Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

IMU AGRICOLA E MONTANA, 100 deputati firmano lettera a Renzi e ministro Padoan per rinvio

CAOS IMU AGRICOLA E MONTANA, 100 deputati firmano lettera a Renzi e ministro Padoan CAOS IMU AGRICOLA E MONTANA, 100 deputati firmano lettera a Renzi e ministro Padoan

Si chiede confronto con enti locali, associazioni e imprese. In Toscana Comuni montani approvano ODG

AGIPRESS - FIRENZE - Oltre 100 i deputati del Pd hanno firmato una lettera al Presidente del Consiglio Matteo Renzi ed al Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan per chiedere di emanare un provvedimento urgente che abbia come finalità il rinvio della rata dell’Imu agricola prevista per 2014. L’iniziativa è stata promossa dai deputati del Partito Democratico Massimo Fiorio, Walter Verini ed Enrico Borghi a seguito dell’emanazione del decreto che prevede il pagamento dell’Imu sui terreni agricoli entro il 16 dicembre prossimo.

“Chiediamo inoltre – continua la lettera – che venga aperto un confronto con gli enti locali, le imprese e le associazioni sindacali e di categoria, per individuare parametri, non meramente altimetrici, capaci di rispondere con maggiore efficacia ed equità ai diritti dei contribuenti, alle esigenze dei Comuni, promuovendo una reale e sostenibile perequazione fiscale”. E’ stato rimarcato, in questi giorni, come il pagamento dell’Imu agricola rischierebbe di violare i principi della Costituzione e le norme presenti nello Statuto del Contribuente. La sospensione dell’Imu agricola è già stata oggetto di numerose interrogazioni di esponenti del Partito Democratico e di altre forze politiche e di un apposito ordine del giorno del Pd recentemente approvato alla Legge di Stabilità.

"Criteri ingiusti e che potrebbero presentare elementi di incostituzionalità. Non si può far rientrare il principio di ‘marginalità’ e dunque di equità e tassazione, soltanto tenendo conto dei fattori altimetrici. Per questo chiediamo con forza al Governo di rinviare al 2015 e di rivederne i parametri per l’Imu agricola. Una richiesta che abbiamo già avanzato all’esecutivo con altri colleghi parlamentari, democratici e di altre forze politiche, attraverso interrogazioni e con un ordine del giorno del Pd sulla sospensione dell’Imu agricola, approvato dalla Legge di Stabilità”. E' l'appello lanciato da Susanna Cenni, deputata del Partito democratico. "E’ necessario intervenire immediatamente per rinviare ogni decisione in merito e semmai demandare ad un apposito tavolo la revisione dei parametri per l’applicazione dell’Imu agricola". Così il gruppo di Forza Italia in Consiglio regionale toscano in merito alla misura approntata dal Governo Renzi, contro cui si è espressa oggi l'assemblea regionale approvando all'unanimità una mozione presentata da Forza Italia e poi sottoscritta da tutti i gruppi consiliari. "Un allarme partito dalla Toscana - commenta il Presidente di Uncem Toscana Oreste Giurlani - dove 130 Comuni montani e parzialmente montani su 152 sarebbero costretti a far pagare l'Imu ai cittadini, vedendosi, nel frattempo, già trattenuti dal Governo quegli importi. Insomma, un pasticcio che rischia di penalizzare ancora una volta i territori più deboli, ma continueremo ad opporci in modo determinato - aggiunge - per far rinviare al 2015 qualsiasi modifica". Molti Comuni della Toscana hanno già firmato un ordine del giorno contro l'Imu agricola e montana.

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 03 Dicembre 2014 18:54
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici