Menu
NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali In evidenza

Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

Giornata di studio organizzata dalla prof.ssa Carla Ghelardini e dal dott. Lorenzo Di Cesare Mannelli, farmacologi del dipartimento Neurofarba dell’Università degli Studi di Firenze.

AGIPRESS - FIRENZE - "Si tratta di cellule extraneuronali che rappresentano il 70% del sistema nervoso e sono determinanti nei meccanismi fisiologici e patologici della funzionalità nervosa. Oggi sono sempre di più le patologie che a livello del sistema nervoso centrale sono correlabili, direttamente o indirettamente, ad un problema alle cellule gliali che fino a poco tempo fa venivano considerate solo di supporto al neurone ma che oggi sappiamo assumere un ruolo centrale nelle patologie neurodegenerative come Parkinson, Alzheimer, Sclerosi". E' quanto è emerso dal convegno organizzato in rettorato dalla prof.ssa Carla Ghelardini e dal dott. Lorenzo Di Cesare Mannelli, farmacologi del dipartimento Neurofarba dell’Università degli Studi di Firenze (vedo sotto videointervista) e che ha visto la partecipazione degli esperti più rappresentativi sul panorama nazionale impegnati sull’argomento. “Si tratta di cellule essenziali per la funzione nervosa delle quali ogni giorno impariamo a conoscere nuove capacità” – affermano la prof.ssa Carla Ghelardini e il dott. Lorenzo Di Cesare Mannelli. “Il dibattito scientifico tra gli esperti presenti al convegno - aggiungono - rappresenta un tassello importante nell'intenso lavoro di ricerca e studio verso l’individuazione di nuove possibilità terapeutiche per il trattamento di patologie fino a oggi incurabili”. Alle cellule della glia la natura affida un compito di protezione e supporto dei neuroni e che allo stesso tempo, se danneggiate, diventano temibili amplificatori di malattia. Sono state analizzate le alterazioni gliali presenti in patologie nervose di grande impatto medico e sociale come il dolore cronico, l’Alzheimer, il Parkinson, la sclerosi multipla e l’epilessia che nel loro insieme colpiscono ogni anno 4,5 milioni di italiani. La complessità di queste cellule e del loro funzionamento, obbliga la ricerca ad andare avanti sempre più intensamente.

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 30 Agosto 2018 10:16

Video

Cellule Gliali, intervista a Carla Ghelardini e Lorenzo Di Cesare Mannelli - AGIPRESS
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici