Menu
Riparte da Firenze il tour europeo del Gelato Festival 2017

Riparte da Firenze il tou…

Raddoppiano i gusti ...

MOSTRE - Rottami assemblati diventano opere d'arte, le creazioni di Paul Wiedmer

MOSTRE - Rottami assembla…

Cecina 15-28 maggio,...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017

Pistoia Capitale Italiana…

Presentate a Firenze...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza In evidenza

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con Alzheimer "Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con Alzheimer

Aperto a professionisti interessati a specializzarsi nella cura di persone con Alzheimer o altre forme di Demenza: Psicologi, Infermieri, Operatori Sociosanitari, Educatori/Animatori, Fisioterapisti 

AGIPRESS - FIRENZE - Migliorare la qualità della vita degli operatori nell’ambiente di lavoro e della qualità dell’assistenza che essi sono in grado di offrire ai pazienti con Alzheimer, il tutto anche attraverso “il fare” del clown. Parte da Firenze, come prima esperienza Italia per il suo genere, il percorso formativo aperto a professionisti interessati a specializzarsi  nella cura di persone con Alzheimer o altre forme di Demenza: Psicologi, Infermieri, Operatori Sociosanitari, Educatori/Animatori, Fisioterapisti. A condurre il corso saranno Sandro Picchianti, Clown professionista e il dott. Manlio Matera, Presidente AIMA Firenze (Associazione Italiana Malattia di Alzheimer) ideatore e organizzatore. Lo stage si propone di trasmettere ai partecipanti le competenze tecniche e relazionali necessarie per la "buona cura" di persone anziane non autosufficienti, con particolare attenzione alle condizioni di deficit cognitivo causate dalla Demenza. Il clown affianca le competenze tecniche e relazionali creando le occasioni nelle quali sperimentare una “nuova” relazione, libera da paure e difese, consapevole e partecipativa, facilitando il cambiamento. “Un'esperienza tanto unica quanto innovativa – afferma Manlio Matera Presidene AIMA Firenze – perché il clowning, proposto come attività formativa esperienziale, è particolarmente aderente alle specifiche qualità che devono essere possedute dagli operatori che assistono malati di Alzheimer”. Che sono: 

- la capacità di osservazione, necessaria nel lavoro di cura, in particolare quando si sostiene una persona che non è più in grado di scegliere o di decidere, per capirne i bisogni, interpretarne gli atteggiamenti, percepirne le emozioni
- l'esercizio di metodi di comunicazione non verbale, che consentono di entrare in relazione con una persona che ha difficoltà di linguaggio, sia nella comprensione che nell'espressione. Combinando il linguaggio con la mimica, il contatto fisico, l’esemplificazione delle azioni si riesce a rendere competente quella persona malata per una determinata azione o attività
- il rispetto dei tempi, come presupposto imprescindibile della comunicazione, sia in positivo che in negativo: un ritmo troppo veloce o troppo lento, o un tempo che non rispetta il ping – pong del linguaggio può compromettere la capacità di comprensione e di partecipazione
- l’atteggiamento empatico, cioè di immedesimazione nell’altro, pur nella distinzione delle identità, utile per coglierne i sentimenti
- la consapevolezza di sé, delle proprie qualità e delle proprie debolezze, fondamento della relazione interpersonale
- l’abbandono di atteggiamenti giudicanti, che è la condizione necessaria per assumere atteggiamenti di comprensione
- la difesa dagli stereotipi, che ci impediscono di vedere la persona nel suo essere.
- l'educazione alla diversità, che passa per lo sviluppo della capacità di ascolto e la sospensione del giudizio, per arrivare a considerare la diversità come ricchezza

“Partiamo da Firenze – aggiunge Matera – ma esporteremo questo modello formativo in altre realtà per formare al meglio gli operatori che lavorano nel campo delle demenze e allo stesso tempo contribuire a prevenire quelle drammatiche situazioni che troppo spesso si verificano nelle strutture a danno dei malati”.

IL CORSO si svolgerà nella splendida struttura dell'Antico Spedale del Bigallo, sulle colline di Firenze, a un quarto d'ora dalla città, nell’arco di 3  weekend in cui gli allievi saranno impegnati dalle ore 19 del venerdì alle ore 17 della domenica, per un totale di 42 ore di formazione. Date previste: I Modulo 8 -10 Aprile 2016, II Modulo 13 -15 Maggio 2016, III Modulo 24 - 26 Giugno 2016. Info e prenotazioni: Tel. 055/2638388 - www.qualitas.org,  o www.aimafirenze.it 

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 24 Marzo 2016 12:55
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici