Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Piccole imprese, bene fondi europei ma necessaria semplificazione

Piccole imprese, bene fondi europei ma necessaria semplificazione Piccole imprese, bene fondi europei ma necessaria semplificazione

Dalla Piccola e Media Industria Toscana plauso a Regione e invito a ulteriore impegno su snellimento burocratico

AGIPRESS - FIRENZE - “Abbiamo accolto con favore la scelta della Regione Toscana di anticipare i fondi europei, condividiamo gli ambiti di intervento scelti”. Ma dalla Piccola e Media Industria Toscana arriva anche l’invito ad un ulteriore impegno su semplificazione e snellimento burocratico. Gli interventi messi in campo dalla Regione Toscana per le piccole imprese sono stati illustrati, oggi, da Giuseppe Ponzi, presidente della Piccola Industria di Confindustria Toscana e da Gianfranco Simoncini, assessore attività produttive, credito e lavoro della Regione Toscana nel corso di un incontro a Firenze per gli imprenditori toscani. “Invitiamo la Regione - sottolinea Giuseppe Ponzi - a compiere un ulteriore passo avanti lavorando su due punti ancora critici per le imprese: la rendicontazione finale per l'erogazione del contributo. Sui tempi di risposta alle imprese sono stati fatti passi in avanti, ma si può fare ancora di più sul rispetto di questi tempi. E infine, gli obblighi previsti dai progetti hanno, in alcuni casi è prevista una durata molto lunga, se si considera il contesto economico attuale. Con l’incontro di oggi abbiamo voluto fornire alle nostre imprese tutti gli attrezzi giusti per utilizzare al meglio le opportunità loro offerte”. Nel corso dell’incontro si è parlato di investimenti produttivi, di accesso al credito, di internazionalizzazione ma anche attrazione di nuovi investimenti e efficienza energetica. Sono quasi 800 milioni di euro, i fondi del Programma regionale FESR per la Toscana, per il settennato 2014-2020, di cui oltre il 70% è destinato a sostenere il rilancio delle imprese, in particolare delle Piccole e Medie. (ha collaborato Chiara Morellato)

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 10 Giugno 2015 18:03
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici