Logo
Stampa questa pagina

VOLLEY - Julio Velasco a Firenze per un incontro su motivazione e leadership

VOLLEY - Julio Velasco a Firenze per un incontro su motivazione e leadership

Il grande allenatore argentino sarà nel capoluogo toscano mercoledì 8 febbraio, alle 16, all'Auditorium "Al Duomo"

AGIPRESS - FIRENZE - Quando non riusciamo a raggiungere un obiettivo o, più in generale, il nostro lavoro non è stato all’altezza delle attese, può capitare che cerchiamo delle scuse, per attribuire l’insuccesso a situazioni al di fuori del nostro controllo. Il “non è colpa mia” diventa quindi un mezzo per lasciare intatta l’autostima. Un ragionamento che però non fa che allontanarci dalle nostre responsabilità, come sostiene Julio Velasco, considerato il più grande allenatore di pallavolo di tutti i tempi, nella sua “cultura degli alibi”. Una teoria che possiamo definire il cavallo di battaglia di Velasco e che sarà alla base dell’incontro “Julio Velasco: gli alibi e il cambiamento” promosso mercoledì 8 febbraio a Firenze, nell’Auditorium Al Duomo (Anfiteatro A. Tomaszewski - via de’ Cerretani 54/r - ore 16-18,30). L’iniziativa è rivolta, in particolare, ad imprenditori e manager di aziende e a tutti quelli che, a diverso titolo, devono gestire o motivare un team di lavoro. Velasco, infatti, si presenterà nel capoluogo toscano, nella veste di filosofo e motivatore e metterà a disposizione della platea la sua grande esperienza. Un’opportunità per conoscere un grande professionista, quindi, e portarsi a casa preziosi concetti manageriali e di coaching. Grazie a quella che lui stesso definisce la “cultura degli alibi”, Velasco ha radicalmente modificato il modo di intendere la pallavolo nel nostro Paese, consentendo alla Nazionale maschile, definita “la generazione dei fenomeni”, di vincere dal 1989 al 1996 (quando Velasco lasciò le redini della squadra) 3 ori europei, 2 mondiali e 5 vittorie nella World League. 

Secondo il grande allenatore, la vita è un’alternanza fra vittorie e sconfitte e si può fallire un obiettivo senza necessariamente diventare un perdente. Questo concetto ci mette nella condizione di affrontare l’insuccesso al riparo da quella cultura dell’alibi che rappresenta il più grosso ostacolo al miglioramento delle nostre prestazioni.

Una teoria che sicuramente deve essere applicata a tutti gli ambiti della nostra vita, privata e lavorativa, per migliorare noi stessi.

Per partecipare all’incontro con Velasco è possibile chiamare il numero verde 800.910.209

AGIPRESS

Ultima modifica ilVenerdì, 20 Gennaio 2017 11:14

Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Redazione

Agenzia di Stampa AGIPRESS - Iscr. Trib. nº2352 Dir.Resp. Davide Lacangellera
© Toscana Press. Tutti i diritti riservati. PI: 06302680480 - Viale Giacomo Matteotti 25, 50121 Firenze