Menu
Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

SEI NAZIONI, A MURRAYFIELD LA SCOZIA SUPERA 33-20 L'ITALIA

SEI NAZIONI, A MURRAYFIELD LA SCOZIA SUPERA 33-20 L'ITALIA - Foto Tiziano Pucci SEI NAZIONI, A MURRAYFIELD LA SCOZIA SUPERA 33-20 L'ITALIA - Foto Tiziano Pucci

AGIPRESS - EDIMBURGO -  La Scozia a Murrayfield  nel primo turno del Guinness Sei Nazioni 2019 si impone 33-20 sull’Italia a cui non basta la riscossa nel finale per trovare punti bonus in classifica. Dopo un iniziale momento favorevole per i padroni di casa, l’Italia sblocca il risultato al 9’ con un calcio piazzato di Allan che vale il 3-0. Passano soli tre minuti e la Scozia ribalta il risultato: errore nella difesa della palla da parte dell’Italia, gli scozzesi rubano l’ovale e Russell si inventa un assist panoramico per Kinghorn che sull’esterno va in meta in solitaria. Laidlaw sbaglia la successiva trasformazione: si resta sul 5-3. I padroni di casa giocano bene e sfruttano una mischia nei 22 metri difensivi azzurri conquistata dopo un in avanti di Castello andando in meta nuovamente con Kinghorn che raccoglie un assist di Hogg sul lato sinistro del campo. Laidlaw centra i pali spostando il parziale sul 12-3. Partita dura e con pochi spunti con entrambe le squadre che difendono bene e non lasciano troppi spazi per le offensive avversarie con il XV di O’Shea che nella parte finale della prima frazione riesce a conquistare l’ovale in due occasioni. La ripresa inizia sulla falsa riga del finale della prima frazione di gioco con i padroni di casa in attacco e l’Italia che recupera l’ovale con una buona difesa di squadra. Sergio Parisse al 45’ riesce a stoppare sul più bello l’azione di Johnson, ma sul proseguo Russell con un grabber esalta la velocità di Hogg che in tuffo riesce ad anticipare Esposito segnando la terza meta del match. Laidlaw trasforma per il parziale di 19-3. Al 55’ Kinghorn centra l’hattrick realizzando la propria terza marcatura personale – che vale il bonus offensivo alla Scozia – infilandosi tra le maglie di Allan e Morisi. Capitan Laidlow con la trasformazione sposta il parziale sul 26-3. Pochi minuti dopo nella girandola di cambi il neo entrato Harris sfrutta la sua freschezza atletica per andare in meta in posizione centrale, con Russell che trasforma e porta i suoi sul 33-3. L’Italia attacca nel finale e costringe la Scozia a commettere più falli nella stessa zona del campo che portano al giallo di Berghan e, successivamente, Palazzani trova la prima meta azzurra in mezzo ai pali scozzesi con Allan che trasforma muovendo il parziale sul 33-10. Il buon momento dell’Italrugby prosegue e quattro minuti più tardi da una bella iniziativa di Ruzza arriva la seconda meta del match – e seconda personale in carriera con la Nazionale – per Edoardo Padovani che porta i suoi sul 33-15 con McKinley che non centra i pali sulla seguente trasformazione. Nel finale la squadra di O’Shea attacca a testa bassa e dalle mani di Ruzza arriva l’azione che porta alla volata di Campagnaro finalizzata da Esposito che poi fallisce la trasformazione veloce in drop. Gli Azzurri provano a limare ulteriormente il passivo andando a caccia del potenziale doppio bonus ma non riescono a trovare la quarta meta con il punteggio che va in archivio sul 33-20. E ora al via la preparazione in vista del match contro il Galles, valido per il secondo turno del Guinness Sei Nazioni 2019, in calendario sabato 9 febbraio alle 17.45 allo Stadio Olimpico di Roma. Vai sotto alla galleria immagini, foto di Tiziano Pucci.

AGIPRESS

Ultima modifica ilMartedì, 05 Febbraio 2019 00:39
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie in primo piano

Speciali Agipress

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici