Menu
Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017

Pistoia Capitale Italiana…

Presentate a Firenze...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

GREEN ECONOMY MOTORE DI CRESCITA, PER IMPRESE E' ANTIDOTO ALLA CRISI

GREEN ECONOMY MOTORE DI C…

Un’impresa su quattr...

ENOGASTRONOMIA - Ebook di storie e ricette, così la Toscana si racconta

ENOGASTRONOMIA - Ebook di…

Scarica l'ebook grat...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

PSICOLOGIA - Si ritorna a scuola, cambiano i ritmi della famiglia. Per i timori e le paure degli scolari serve comprensione

PSICOLOGIA - Si ritorna a scuola, cambiano i ritmi della famiglia. Per i timori e le paure degli scolari serve comprensione PSICOLOGIA - Si ritorna a scuola, cambiano i ritmi della famiglia. Per i timori e le paure degli scolari serve comprensione

Cosa accade nei bambini, genitori e insegnanti. I consigli

AGIPRESS - FIRENZE - Fine dell’estate, i genitori fanno definitivo ritorno al proprio posto di lavoro e i loro figli procedono all’immancabile ritorno a scuola. Spesso, però, molti scolari, soprattutto della scuola materna e elementare, sono impauriti dalla ripresa. Specialmente chi, a scuola, ci va per la prima volta o chi deve affrontare dei nuovi compagni o dei nuovi insegnanti, ed è perciò costretto a modificare anche le proprie abitudini e le proprie amicizie. Per tutti i bambini infatti la fine delle vacanze rappresenta un grosso cambiamento riguardante sia il tempo che i rispettivi genitori riescono a dedicare loro, che il loro personale tempo libero. Proprio come nell’adulto, ciò crea dei piccoli squilibri a livello psicologico e fisico e diventa un momento che l’intera famiglia, e la scuola stessa, è chiamata a gestire. 

Quando si torna a scuola non sempre si è entusiasti. Ogni bambino ha il suo carattere, la sua indole, che lo porta a rispondere alle sollecitazioni dell'ambiente in cui si trova in una maniera del tutto individuale. L'inizio della scuola spesso fa emergere comportamenti inattesi o contraddittori, che possono compromettere l'apprendimento e la serenità. È importante considerare questo aspetto, senza allarmismi, ma anche senza sottovalutare i primi segnali. Distrazione, iperattività, timidezza, disadattamento, malumore, sono il sintomo di un disagio, spesso superabile con l'aiuto dei genitori e con quello degli insegnanti. Nella maggior parte dei casi, non serve un medico, tantomeno psicofarmaci, ma solo aiuto e comprensione, perché il bambino si adatti alle regole dell'ambiente scolastico. I bambini molto vivaci, per esempio, faranno fatica a stare fermi e seduti, senza fare rumore o disturbare i loro compagni, per molte ore. Altri bambini si distraggono facilmente perché, in realtà, sono molto attenti a tutto ciò che li circonda e si lasciano trascinare dai loro pensieri, o da sogni ad occhi aperti. I bambini ostinati, invece, sono forse i più difficili da gestire a casa, mentre a scuola riescono meglio dei loro compagni meno perseveranti. Anche la timidezza può portare il bambino a chiudersi in se stesso, specie quando entra in una nuova classe, con compagni e insegnanti che non conosce. La scuola pertanto intesa come primo “sistema sociale”, esterno alla famiglia, in cui il bambino si trova a doversi relazionare con gli altri e ad essere sottoposto a norme, è necessario che tenga conto di ciò, per sostenere e favorire il tanto complesso quanto articolato processo di crescita “globale” di ogni individuo.

Ma come affrontare questo “stress da inizio scuola”? Un consiglio per gli insegnanti… - Al rientro i ragazzi andrebbero aiutati a “connettere” l'esperienza delle vacanze con quella della scuola, dunque ciò che occorre favorire, come sempre e in tutti i campi, è "l'integrazione" e non la scissione. Per le scuole elementari e medie, dunque, benissimo chiedere a tutti dove sono stati nelle vacanze e come le hanno trascorse, magari incentrando su questi input alcuni lavori per i primi giorni. Per i primi anni di ciascun ciclo, soprattutto medie e primo anno di superiori, va benissimo, dopo una prima presentazione (d'obbligo anche una presentazione da parte dei professori, che non sia troppo burocratica e asettica), lasciare agli studenti un'ora libera, in cui possano conoscersi e “sbloccare” fra di loro l'emozione. (dl)

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 13 Settembre 2016 15:36
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici