Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

ADDIO ALL'OPG DI MONTELUPO – Via libera dalla Regione: approvata la delibera

Via libera definitivo alla chiusura dell'ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo (Firenze) Via libera definitivo alla chiusura dell'ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo (Firenze)

L'ospedale psichiatrico giudiziario chiuderà definitivamente la sua attività. I tre livelli di intervento: incremento percorsi terapeutici, potenziamento strutture intermedie, residenza con sorveglianza intensiva

AGIPRESS - FIRENZE – Ultimo atto della definitiva chiusura dell'ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo, così come stabilito dalla legge 57 del 2013 che aveva individuato nel 31 marzo 2014 la data per la chiusura definitiva dei cosiddetti Opg. La giunta regionale toscana ha approvato nel corso dell’ultima seduta la delibera ad hoc che contiene il piano, che il Ministero della Salute ha già ricevuto e letto, e che adesso ottiene la formalizzazione per l’assegnazione delle risorse statali (11 milioni di euro circa) necessarie per l’attuazione.

Il piano di superamento dell’Opg prevede tre livelli di intervento. Il primo viene realizzato attraverso i servizi socio-sanitari territoriali, incrementando i percorsi terapeutici e riabilitativi che la Regione ha avviato fin dal 2008, e potenziato e consolidato negli ultimi tre anni. Le persone internate per le quali l’autorità giudiziaria abbia escluso pericolosità sociale verranno prese in cura dalle Asl che le inseriranno in progetti di terapia e riabilitazione individuali.

Il secondo livello prevede il potenziamento delle strutture sanitarie psichiatriche intermedie,  destinate ad accogliere le persone sottoposte a misure di sicurezza non detentive. Le residenze saranno 4, distribuite sul territorio in modo da garantire la prossimità dei pazienti internati che rientrano nei luoghi di provenienza: 2 nell’Area Vasta Centro e 1 ciascuna in quella Nord Ovest e Sud Est.

Infine il terzo livello, la residenza con sorveglianza intensiva, definita anche Remsd, acronimo di Residenza per Esecuzione Misure di Sicurezza Detentive. Sarà, come previsto dalla legge, la nuova  struttura sanitaria con vigilanza perimetrale,  che accoglierà persone che devono scontare misure di sicurezza detentive.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici