Menu
NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

A Firenze il 2° Congresso Mondiale di Psicologia e Comunicazione Strategica

A Firenze il 2° Congresso Mondiale di Psicologia e Comunicazione Strategica A Firenze il 2° Congresso Mondiale di Psicologia e Comunicazione Strategica

Al Palazzo dei Congressi dal 15 al 19 ottobre, il tema è Fare Squadra

AGIPRESS - FIRENZE - “Fare Squadra sappiamo davvero cosa significhi? Vedendo un gruppo di persone, cosa ci porta a pensare che queste facciano parte di una squadra? Fare la squadra non è poi così semplice, occorrono una serie d’ingredienti indispensabili e, ancor di più, se parliamo di una squadra vincente. Nello sport, come all’interno di un’azienda, il gruppo, per giungere al successo e alla vittoria collettiva, per prima cosa dovrebbe concepire la propria attività come il fine di un obiettivo comune: in una partita o si vince insieme o si perde insieme". Sono alcune anticipazioni sul 2° Congresso Mondiale di Psicologia e Comunicazione Strategica che si terrà al Palazzo dei Congressi a Firenze dal 15 al 19 ottobre. "Un buon lavoro di squadra - si legge in una nota - è frutto di un percorso con tante implicazioni che riguardano la relazione tra più persone. E se è normale che in un gruppo i vari componenti si distinguano nelle loro caratteristiche e originalità, d’altro canto, creare relazioni per l’obiettivo comune, significa imparare a gestire anche coloro che apparentemente si distanziano dal nostro modo di essere, di confrontarsi con noi stessi, con gli altri e con il mondo. Superare certe interpretazioni limitative della realtà, date spesso dal senso comune, sta alla base dello scopo da raggiungere e realizza una buona coesione di squadra. Già Paul Watzlawick scriveva: L'illusione più pericolosa è pensare che esista soltanto un'unica realtà". "E spesso ci ritroviamo vittime di una cultura da manuale" – spiega il Prof. Giorgio Nardone, psicologo e co-fondatore, insieme alla sorella Maria Cristina, di STC Change Strategies e ideatore del modello di problem solving strategico. "Ad esempio - aggiunge - parlare a braccia conserte è considerato un segnale di chiusura e tamburellare le dita sul tavolo un indizio di insicurezza. Ma presi da soli, questi e tanti altri, sono dettagli svianti, e sono quelli, apparentemente più semplici, i veri tranelli. Indizi come lo sguardo diretto o un portamento sicuro ingannano: l’empatia che scatenano può anche portare fuori strada - conclude Nardone".

AUTOINGANNI - Imparare a dare meno peso alle interpretazioni costruite dai propri canoni di riferimento costituisce il modo per creare nuove prospettive  e  superare certi pregiudizi insiti dentro di noi. La nostra natura ci impone costanti autoinganni percettivi, cosi come la nostra cultura e le nostre conoscenze, il mentire a se stessi e agli altri diviene uno dei fondamentali ambiti di studio e di applicazione soprattutto quando il mentire può essere utilizzato in modo strategico. Credere che il proprio modo di interpretare le cose sia il solo e l’unico è un autoinganno che si ripercuote spesso drammaticamente sulla realizzazione degli obiettivi personali e collettivi. "Impariamo - chiude la nota - con Giorgio Nardone e Diego Ingrassia, nell’appuntamento del 15 ottobre 2014 al Palazzo dei Congressi a superare certi limiti per la conquista della vittoria e del trionfo di squadra attraverso un’arte che è “L’arte di mentire a se stessi e agli altri” intesa come la continua reinterpretazione di ciò che succede per indirizzare insieme al team il pallone in rete".

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 23 Settembre 2014 13:03
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici