Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Stress post traumatico da Covid19, categoria maggiormente a rischio quella degli anestesisti

Stress post traumatico da Covid19, categoria maggiormente a rischio quella degli anestesisti Stress post traumatico da Covid19, categoria maggiormente a rischio quella degli anestesisti

I risultati dell'indagine negli IRCCS della rete delle Neuroscienze e della Neuroriabilitzione.

AGIPRESS - Il 12% del personale operante in 23 IRCCS aderenti alla Rete delle Neuroscienze e Neuroriabilitazione ha affermato di soffrire da stress post traumatico da Covid19: il dato è emerso nel corso della relazione del Presidente della Rete, Fabrizio Tagliavini, durante il primo annual meeting del network, svoltosi in modalità virtual. Il campione, composto da oltre 4.400 persone appartenenti a professioni eterogenee (sanitarie e non) distribuito per un terzo in reparti Covid positivi per la restante parte Covid negativi, ha evidenziato quale categoria maggiormente a rischio quella degli anestesisti (22,35%) seguita dal personale sanitario (15,38%), dai medici (10,11%), dal personale non sanitario (8,47%), dai dirigenti non medici (7,64%) e dai ricercatori (7,46%). «Abbiamo ritenuto opportuno promuovere la survey alla quale hanno partecipato 23 dei 29 IRCCS associati alla Rete – ha spiegato Tagliavini – poiché era noto che una percentuale importante dei sanitari impegnati in precedenti epidemie aveva manifestato un disturbo post traumatico da stress». Il Presidente ha aggiunto che la risposta della Rete su Covid19 è stata particolarmente importante, oltreché sul versante clinico, anche su quello dello sviluppo di progetti di ricerca e con attività di studio particolarmente intense culminate in una settantina di pubblicazioni riguardanti l’impatto della pandemia su gestione e trattamento dei pazienti neurologici, sull’interessamento neurologico nei pazienti affetti da covid19, sull’impatto psicologico della pandemia negli operatori sanitari e, infine,  sulla neuroinvasività di SARS-Cov2. Tagliavini ha anche aggiunto che è obiettivo del network quello di lavorare nel prossimo futuro sulla valutazione del rischio di insorgenza di patologie neurologiche post-Covid19 nel breve e medio termine. Il Presidente, infine, ha annunciato l’adesione della Rete alla coalizione Covid19 Neuro Research Coalition in cui sono coinvolti gruppi e istituzioni internazionali le cui attività di programmazione sono iniziate proprio in questi giorni.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici