Menu
Lotta ai tumori, al via il progetto Umberto

Lotta ai tumori, al via i…

Una Piattaforma cong...

Italia in balìa della crisi climatica, allarme piogge abbondanti al sud e fiume Po ridotto a torrente

Italia in balìa della cri…

Il Meridione ha baci...

6 dipendenti su 10 della PA a rischio burnout

6 dipendenti su 10 della …

Una ricerca rivela c...

Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

SALUTE - Un nuovo contraccettivo tutto maschile

SALUTE - Un nuovo contraccettivo tutto maschile SALUTE - Un nuovo contraccettivo tutto maschile

La sostanza a base di idrogel potrebbe fermare lo sperma per 24 mesi, è in corso di sperimentazione con uno studio dell’Università di Melbourne.

AGIPRESS - Sarà sperimentato per la prima volta in Australia un metodo contraccettivo maschile con effetto a lungo periodo. Una sostanza, a base di idrogel, verrà iniettata nei vasi deferenti che trasportano lo sperma per impedirgli di raggiungere i testicoli. Si ritiene che l’idrogel duri circa due anni e potrebbe poi essere reiniettato, offrendo un’alternativa alla vasectomia, che invece ha un effetto permanente. Nello studio verranno coinvolti 25 uomini in un ospedale di Melbourne. Finora i ricercatori di Epworth Freemasons di Melbourne hanno eseguito la procedura su quattro uomini. I partecipanti saranno monitorati per tre anni. Gli studiosi analizzeranno campioni e sottoporranno i soggetti a regolari controlli sanitari. Il ricercatore principale Nathan Lawrentschuk ha affermato che lo studio esaminerà se l’idrogel è davvero un’alternativa non permanente alla contraccezione maschile. “Se avrà successo, potrebbe essere un punto di svolta, assicurando che la contraccezione possa essere una responsabilità condivisa nelle coppie”. C’è da dire, infatti, che un metodo anticoncezionale ideale, secondo urologi e andrologi, dovrebbe avere requisiti certi: non alterare la salute né la libido anche in un trattamento prolungato; essere efficacie al 100% e rapidamente reversibile a fine trattamento e essere confortevole e gradito; attualmente dopo più di 20 anni di ricerca nessun metodo possiede tutte queste caratteristiche. Infatti ancor oggi vasectomie e profilattici sono l’unica forma disponibile di contraccezione maschile. La contraccezione maschile è un campo sicuramente meno studiato rispetto a quella femminile, così come meno studiata fino a qualche anno fa era la fertilità maschile. Prevalente è sicuramente una motivazione di carattere culturale, però, certificano i ricercatori, c’è anche una ragione tecnica: inibire la formazione degli spermatozoi è molto più complicato che inibire un’unica ovulazione nella donna, consideriamo infatti che un uomo sano produce circa mille spermatozoi al secondo. La speranza è che questa volta l’esperimento dia i suoi frutti positivi. (da stradenuove.net)

Ultima modifica ilSabato, 26 Novembre 2022 11:14
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici