Menu
Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

GREEN ECONOMY MOTORE DI CRESCITA, PER IMPRESE E' ANTIDOTO ALLA CRISI

GREEN ECONOMY MOTORE DI C…

Un’impresa su quattr...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Restare incinta dopo il cancro, senza rischi di recidivanti. Il 70% ci riesce in meno di 2 anni

Restare incinta dopo il cancro, senza rischi di recidivanti. Il 70% ci riesce in meno di 2 anni Restare incinta dopo il cancro, senza rischi di recidivanti. Il 70% ci riesce in meno di 2 anni

PresentatI i dati dell’Unità specializzata in oncologia e riproduzione dell'’Institut Marquès. L’82% delle pazienti interessate ha circa 40 anni.

AGIPRESS - FIRENZE - Diventare mamma dopo il cancro è possibile. Il desiderio di maternità, che prima restava solamente un sogno per oltre 9 donne su 10, ora può trasformarsi in qualcosa di concreto: 7 donne su 10 riescono a rimanere incinta in meno di 2 anni, senza il rischio di recidivanti. Questo è l’incoraggiante quadro delineato da Institut Marquès in occasione del Congresso Nazionale della Società Italiana di fertilità e sterilità e medicina della riproduzione1 (SIFES). Nel corso dell’incontro, la dottoressa Federica Moffa, specialista in riproduzione assistita presso la sede milanese dell’Istituto, che ha presentato i dati dello studio effettuato dall’Unità specializzata in oncologia e riproduzione. 9 pazienti su 10 sono state ritenute idonee a intraprendere un processo riproduttivo al termine dei trattamenti oncologici. "Molte di queste donne possono avere un bambino se hanno già completato con successo il trattamento di chemio, radioterapia o interventi chirurgici – spiega la Dottoressa Michela Benigna, ginecologa e membro dell’Unità specializzata in oncologia e riproduzione di Institut Marquès – L’imperativo è che il loro caso venga esaminato da un team multidisciplinare. Solo allora possiamo dire che essere una madre dopo il cancro è sicuro". L'82% delle pazienti oncologiche rimaste incinte ha un’età media di 40 anni2 e per la maggior parte viene da cancro al seno (35%), neoplasie ematologiche come leucemia o linfoma (29%) e cancro ovarico (14%). I trattamenti alle quali si sono sottoposte: fecondazione in vitro (3,9%), donazione di embrioni (11,7%) e donazione di ovociti (84%). Solo il 10% ha vitrificato gli ovociti prima del trattamento del cancro. Data la crescente incidenza del cancro nelle donne in età riproduttiva, preservare la fertilità nelle pazienti oncologiche è diventata una priorità. Ad ogni modo, anche le percentuali di sopravvivenza sono in crescita, con un tasso dell’85% per i pazienti sotto i 50 anni. 

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici