Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Ospedale pediatrico Meyer e Pinocchio, presto insieme

Da sinistra Oreste Giurlani e Alberto Zanobini Da sinistra Oreste Giurlani e Alberto Zanobini

Legare le due eccellenze per una nuova politica per l'infanzia

AGIPRESS - FIRENZE - Un'intesa tra Regione Toscana, Ospedale pediatrico Meyer e Comune di Pescia per creare un ponte diretto con il burattino di legno più famoso al mondo e più amato dai bambini, Pinocchio. Questa è l'idea emersa a seguito di un incontro tra il Commissario del Meyer Alberto Zanobini e il Sindaco del Comune di Pescia Oreste Giurlani

SVILUPPARE UNA CULTURA DELL'INFANZIA - “Con Zanobini – ha commentato Giurlani – dopo una visita alla città di Pescia, ci siamo recati a Collodi, la patria di Pinocchio per capire come poter legare le due realtà, quella ospedaliera e quella del famoso burattino, sviluppare insieme progettualità e perseguire concrete politiche per l'infanzia. Da un lato un'eccellenza toscana riconosciuta a livello internazionale per la qualità di cura e assistenza pediatrica, dall'altro un'eccellenza toscana che ha fatto e fa tuttora storia nello sviluppo e nella fantasia dei bambini. L'auspicio – conclude Giurlani – è che si possa collaborare presto per promuovere e rafforzare una vera cultura dell'infanzia partendo proprio dalla sinergia tra chi cura e assiste i bambini e chi li diverte e affascina attraverso fantasia e realtà”. 

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 07 Gennaio 2015 09:30
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici