Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

MEDICINA - 25 aprile giornata mondiale contro la malaria

La campagna per la lotta contro la malaria La campagna per la lotta contro la malaria

La Birmania Paese fulcro dell’iniziativa di aiuto alle popolazioni colpite da questa malattia. Artefice il Cesvi, organizzazione umanitaria italiana

AGIPRESS – MILANO – Dopodomani, 25 aprile, sarà la giornata mondiale contro la malaria. E sarà la Birmania, dopo 50 anni di isolamento, il paese fulcro dell’iniziativa di aiuto alle popolazioni colpite da questa malattia. Artefice il Cesvi, organizzazione umanitaria italiana laica e indipendente (Fondazione di partecipazione onlus), fondata nel 1985 a Bergamo.
Il Myanmar (ex Birmania)  rappresenta, infatti, nella lotta alla malaria un Paese di particolare importanza. Qui si registra infatti una maggiore resistenza ai farmaci a base di artemisina, che negli ultimi anni hanno ridotto l’incidenza della patologia. La malaria colpisce ogni anno più di 2 milioni di persone nel sud-est asiatico, soprattutto bambini sotto i 5 anni di età e donne incinte. L’infezione viene trasmessa con il semplice morso di una zanzara infettata da uno dei 4 parassiti malarici, il più aggressivo dei quali è il Plasmodium Falciparum, molto diffuso in Myanmar e in Zimbabwe.
Cesvi da oltre 10 anni lavora in entrambi i Paesi per far fronte a questo killer silenzioso. Di fronte a un parassita che diventa ogni anno più resistente ai farmaci, la prevenzione rimane l’unica arma efficace.
La malaria ogni 30 secondi uccide un bambino. Il programma avviato da Cesvi nello Shan State, in Myanmar, raggiunge oltre 220 mila persone in 1.054 villaggi. Sette team composti da un medico, un infermiere, un microscopista e un assistente sanitario, tutti locali, lavorano insieme a una rete di volontari per svolgere attività di prevenzione, diagnosi e trattamento farmacologico antimalarico. Questi team si occupano di visite regolari nei villaggi e della gestione di ambulatori fissi, avvalendosi di una clinica mobile per raggiungere le aree più remote. L’obiettivo è offrire a tutti l’accesso alla diagnosi e al trattamento e diffondere una maggiore conoscenza della malaria e delle modalità di prevenzione.
 “In un Paese caratterizzato da servizi di salute pubblica inadeguati e insufficienti, da tensioni etniche, da difficili condizioni di vita e da forti difficoltà negli spostamenti” dichiara Giangi Milesi, presidente Cesvi “la popolazione locale ha un accesso molto limitato ai servizi sanitari di qualità. Il ruolo delle nostre cliniche è cruciale e ben supportato dalla comunità”.

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 30 Aprile 2013 16:24
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici