Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

GIORNATA MONDIALE DEL DIABETE – Il 9 e 10 novembre appuntamenti in 400 città italiane

L'immagine della Giornata Mondiale del Diabete in Italia L'immagine della Giornata Mondiale del Diabete in Italia

Controlli gratuiti per tutti. E anche una richiesta da firmare per mettere in atto il Piano nazionale. I numeri di una malattia in crescita. Come affrontarla

AGIPRESS - Si celebra sabato 9 e domenica 10 novembre, la Giornata Mondiale del Diabete (istituita dalla International Diabete Federation nel 1991), che vedrà un grande sforzo organizzativo anche in Italia, dove è giunta alla sua dodicesima edizione. La manifestazione coinvolgerà quest’anno quasi tutte le 350 associazioni esistenti in Italia. Insieme a medici diabetologi, infermieri, dietisti e volontari, saranno coinvolte 400 città con almeno 500 eventi pubblici. Nel 2012 la campagna di comunicazione ha avuto 9 milioni di contatti virtuali che si aggiungono ai circa 500 mila contatti ‘reali’ (test diagnostici, richieste di informazioni, brevi consulti medici) nel corso degli eventi. Quest’anno la Giornata del Diabete coinvolgerà probabilmente da 5 a 10 mila volontari 

Il Piano Nazionale Diabete

Durante la Giornata Mondiale del Diabete verrà chiesto ai cittadini di firmare una cartolina che chiede all’Assessore regionale alla Salute di fare la sua parte attivandosi per mettere in atto i suggerimenti del Piano Nazionale Diabete, il documento redatto dopo una lunga e ampia consultazione dal Ministero della Salute, approvato dalla Conferenza Stato Regioni e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale in febbraio. Solo 9 regioni hanno recepito ufficialmente il Piano Nazionale Diabete, nemmeno 5 hanno intrapreso passi significativi per metterlo in pratica. Le differenze fra l’assistenza erogata in una regione e nell’altra invece di ridursi si ampliano. “A questo punto la giunta regionale che non fa nulla o che finge di fare si prenda le sue responsabilità. Questa è l’ultima chiamata prima dell’imbarco - piega Salvatore Caputo, presidente di Diabete Italia - le Giunte regionali che non recepiscono e non applicano il Piano Nazionale Diabete si prendono la responsabilità di lasciare indietro forse per sempre, la loro economia e i loro cittadini”. “Il Piano Nazionale Diabete disegna un modello razionale di assistenza che, senza sprecare risorse, mette le persone in grado di gestire al meglio il loro diabete e riduce – a breve medio e lungo termine – le sofferenze umane e i costosi ricoveri dovuti a scompensi glicemici e a complicanze. Vogliamo che sia recepito formalmente ma soprattutto preso in considerazione e utilizzato da tutte le Regioni italiane per aggiornare i loro modelli di assistenza spesso disomogenei e carenti”, spiega Rossella Iannarelli, coordinatrice Nazionale della Giornata Mondiale del Diabete

La malattia in Italia

In mancanza di un registro nazionale, i dati relativi al diabete in Italia possono essere solo stimati. Nel 2011, 3 milioni di persone in Italia affermavano di avere il diabete. È probabile che almeno un altro milione, forse 1,5 milioni abbia il diabete senza saperlo. In pratica il 9% delle persone fra 20 e 79 anni ha il diabete così come il 20% delle persone più anziane senza dimenticare 15 mila bambini e ragazzi con diabete di tipo 1 e le loro rispettive famiglie. Cosa fa la differenza? La risposta è nota: cure appropriate: educazione, inquadramento specialistico, screening, farmaci e presidi e motivazione necessaria.

Dati più dettagliati sulla manifestazione e sulla malattia sono reperibili nel sito http://giornatamondialedeldiabete.it/default.aspx. Qui di seguito pubblichiamo alcune tabelle relative alla malattia in Italia, regione per regione.

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 08 Novembre 2013 14:55
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici