Logo
Stampa questa pagina

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA (SLA) - Aisla Pistoia lancia il progetto di assistenza psicologica

Danilo Matani, morto un anno fa di Sla, simbolo della lotta per la ricerca di nuove cure Danilo Matani, morto un anno fa di Sla, simbolo della lotta per la ricerca di nuove cure

Un'idea pilota dell'Associazione Aisla per aiutare i malati e le loro famiglie. In aumento il numero delle persone colpite da questa malattia degenerativa

PISTOIA – AGIPRESS – Può nascere a Pistoia un progetto pilota di assistenza psicologica per malati di Sla e per loro famiglie. Aisla Pistoia, infatti, in accordo con la sede nazionale che dovrà dare il via libera ufficiale una volta visionati i contenuti, ha deciso di promuovere il Paf, Programma di aiuto per affrontare meglio il terribile impatto con la malattie e lo sconvolgimento che la Sclerosi laterale amiotrofica porta nella vita delle persone colpite e nei loro cari. L'iniziativa è stata presentata simbolicamente stamani nell'abitazione di Danilo Matani, morto di Sla esattamente un anno fa, il 21 ottobre 2013. Ne hanno parlato la moglie Milva e Daniela Morandi Matteoli, referente Aisla di Pistoia (moglie di Claudio, medico cardiologo affetto da Sla e deceduto nove anni fa). “Inizieremo con una ricognizione dei bisogni e delle disponibilità – ha spiegato Daniela Morandi – per sapere chi intenda avvalersi di questo aiuto. Poi calibreremo il progetto sulle loro esigenze insieme a psicologi professionisti che lavoreranno in squadra con tutti i sanitari che si occupano dei malati”. “Mio marito – ha sottolineato Milva, la moglie di Danilo - sarebbe stato felicissimo di questa iniziativa perché si era molto impegnato per i suoi compagni malati di Sla. Per questo ho accettato di ospitare la conferenza stampa in casa nostra proprio nella stanza dove lui ha trascorso tanti anni rimanendo, da malato, in contatto ogni giorno via computer con tantissime persone”.

Intanto mentre la malattia sembra diffondersi più che in passato - dall'inizio dell'anno sono infatti 6 i nuovi casi conclamati a Pistoia e circa 30 i pistoiesi affetti da questa patologia, con un aumento del 25% nel corso di quest'anno, e a livello regionale si stimano in circa 800 i malati di Sla – si stanno aprendo nuovi varchi di attenzione e sensibilità nella lotta alla malattia e a favore della ricerca di nuove terapie. Domenica prossima, 26 ottobre, in occasione della partita casalinga con il Teramo, saranno i giocatori della Pistoiese calcio a dare il loro contributo non dopo essersi sottoposti alla doccia ghiacciata, l'ormai famoso “ice bucket challenge”. E Aisla Pistoia si augura che non finisca qui e che i calciatori vogliano nominare i giocatori di pallacanestro, così da coinvolgere anche la società del Pistoia basket, la Giorgio Tesi Group, in questa sfida.

 

Ultima modifica ilMartedì, 21 Ottobre 2014 15:10

Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Paolo Vannini

Agenzia di Stampa AGIPRESS - Iscr. Trib. nº2352 Dir.Resp. Davide Lacangellera
© Toscana Press. Tutti i diritti riservati. PI: 06302680480 - Viale Giacomo Matteotti 25, 50121 Firenze