Menu
RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017

Pistoia Capitale Italiana…

Presentate a Firenze...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

GREEN ECONOMY MOTORE DI CRESCITA, PER IMPRESE E' ANTIDOTO ALLA CRISI

GREEN ECONOMY MOTORE DI C…

Un’impresa su quattr...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Cannabis terapeutica e farmaci orfani, tra Regione Toscana e Farmaceutico Militare siglato accordo

Cannabis terapeutica e farmaci orfani, tra Regione Toscana e Farmaceutico Militare siglato accordo Cannabis terapeutica e farmaci orfani, tra Regione Toscana e Farmaceutico Militare siglato accordo

Allargamento anche a ricerca e innovazione. A supporto dei cittadini il Centro di ascolto regionale.

AGIPRESS - FIRENZE - Rafforzamento dell'informazione e formazione sui farmaci cannabinoidi, con estensione alla ricerca e sperimentazione clinica no profit, con particolare attenzione ai farmaci orfani. Questi gli obiettivi centrali dell'accordo, che avrà durata due anni, firmato stamani dall'assessore al diritto alla salute della Regione Toscana e dall'ingegner Gian Carlo Anselmino, direttore generale dell'Agenzia Industrie Difesa. Subito dopo, i due firmatari, assieme al colonnello Antonio Medica, direttore dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare, hanno illustrato i contenuti dell'accordo nel corso di una conferenza stampa. Finora la collaborazione tra Regione e Chimico Farmaceutico Militare si è sviluppata nell'ambito della produzione di cannabis terapeutica, a seguito della legge regionale del 2012. 

Lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare - ha sottolineato dall'assessore - è un'istituzione importante per Firenze, per la Toscana, e anche a livello nazionale. Con la produzione della cannabis a scopo terapeutico ha trovato una sua vocazione ed espressione alta e in questi anni la collaborazione è stata stretta e proficua. Con questo accordo, la collaborazione si intensifica e si allarga anche al fronte della ricerca, in particolare per quei farmaci orfani sui quali non c'è investimento da parte delle aziende (al momento sono distribuiti 5 farmaci orfani per le malattie rare, ndr). Grazie all'accordo, inoltre, la Regione metterà a disposizione del Farmaceutico militare le professionalità del Centro di ascolto regionale, che già lavora fornendo supporto a 360° per i percorsi che riguardano malattie rare e oncologiche, e che ora sarà in grado di rispondere e supportare i cittadini anche sull'uso terapeutico della cannabis, favorendo un dialogo costruttivo con i medici responsabili del progetto terapeutico. Per l'ingegner Anselmino, la firma di questo protocollo è importante soprattutto per i malati che tutti i giorni si trovano a dover affrontare una malattia rara: compito delle autorità e delle istituzioni è non far cadere nell'oblio le loro storie, le loro difficoltà, le loro sofferenze. In tal senso, ha evidenziato Anselmino, un ruolo importante è quello che possono svolgere i media, ai quali ha chiesto aiuto per non far sentire soli i malati e i loro familiari. La Regione Toscana, nel suo ultimo Piano sanitario e sociale integrato, sottolinea che "è importante sostenere le aree orfane della ricerca e la ricerca no profit sul farmaco, la ricerca sui farmaci orfani, sulle malattie rare e neglette, a vantaggio dei cittadini, ma anche in un'ottica di cooperazione sanitaria e solidarietà con i Paesi in via di sviluppo". Si avvale del Centro di Ascolto Regionale come organismo competente in materia di informazione, orientamento ai percorsi, supporto psicologico e agente di connessione con la rete oncologica regionale e la rete malattie rare, e come portatore di adeguata informazione ai cittadini. Nell'ultimo periodo è molto aumentata la richiesta di farmaci orfani e di cannabinoidi. Il loro uso, tra l'altro, è trasversale alle tematiche trattate dal Centro di Ascolto Regionale.

IL PROTOCOLLO tra Regione Toscana e Agenzia Industrie Difesa - Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare riguarda ricerca, sperimentazione, informazione e formazione e prevede una collaborazione in due specifici ambiti: ricerca e sperimentazione clinica no profit, con particolare attenzione alle malattie rare e orfane, in un'ottica di medicina personalizzata; informazione e formazione sui farmaci cannabinoidi. L'accordo firmato stamani prevede che Regione e Farmaceutico Militare, anche su impulso del ministro della difesa senatrice Roberta Pinotti, attivino sinergie utili allo sviluppo della ricerca biomedica e farmaceutica, con particolare attenzione al sostegno della sperimentazione no profit per farmaci orfani per malattie rare o neglette, in linea con i programmi e le strategie regionali in materia; un'adeguata informazione sull'utilizzo e le caratteristiche dei farmaci cannobinoidi attraverso il Centro di Ascolto regionale, e un'adeguata informazione, supporto psicologico e orientamento sul corretto processo di prescrizione e distribuzione dei farmaci orfani prodotti dal Farmaceutico Militare, monitorandone il percorso dal medico prescrittore all'utente finale.

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 17 Gennaio 2018 15:03
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici