Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

ANZIANI - 12mila nuovi casi l'anno di malattie ematologiche

ANZIANI - 12mila nuovi casi l'anno di malattie ematologiche ANZIANI - 12mila nuovi casi l'anno di malattie ematologiche

Una vera e propria emergenza, soprattutto perché nei pazienti anziani spesso si arriva tardi alla diagnosi

AGIPRESS - MILANO - Ogni anno in Italia si contano circa 3mila nuovi casi di leucemia linfatica cronica nelle persone con più di 65 anni. Altrettanti casi si verificano per diverse altre malattie del sangue, come il mieloma multiplo o la leucemia mieloide acuta. Le prime quattro malattie del sangue più frequenti arrivano a contare circa 12mila nuovi casi ogni anno: è una vera e propria emergenza, soprattutto perché nei pazienti anziani, spesso a causa di altre patologie concomitanti, si arriva tardi alla diagnosi.

ACCESSO ALLA DIAGNOSI - Per questo alla Fondazione Ca' Granda Policlinico di Milano è stato creato il Centro per la Diagnosi Ematologica dell'Anziano (DemA): si tratta di una vera e propria corsia preferenziale per velocizzare l'accesso alla diagnosi per le persone con più di 65 anni, che permetterà di 'prendere in tempo' circa 150 casi in più ogni anno solo a Milano.

IL CENTRO - Il nuovo Centro nasce dalla volontà della Fondazione per l'assistenza e lo studio dei malati ematologici (Asme), associazione di volontariato che collabora con il Policlinico, e da una donazione di 500mila euro di Anna Teresa Maiolo, storica ematologa dell'Ospedale. La professoressa Maiolo è anche presidente della Fondazione Asme, ed è stata direttore della prima unità operativa di ematologia dell'Ospedale Maggiore Policlinico. Grazie ad un'apposita convenzione, Fondazione Asme e Policlinico hanno costituito questo centro "con l'obiettivo - spiegano i responsabili - di costituire un punto di riferimento per i pazienti anziani, per i quali il medico di medicina generale o altro specialista ravvisi problemi di tipo ematologico che necessitino di un approfondimento diagnostico e, se del caso, una terapia specifica". Il Centro si integra con l'Unità operativa di Oncoematologia della Fondazione Ca' Granda, e di fatto costituisce "un percorso privilegiato per i pazienti anziani, garantendo oltre che all'accesso la possibilità di consulenza da parte dei medici ematologi ai medici di altre specialità". I temi chiave di questa collaborazione, quindi, sono la diagnosi il più possibile tempestiva, ma anche la garanzia delle migliori cure disponibili e l'impegno nella ricerca scientifica per le malattie ematologiche dell'anziano.

COME ACCEDERVI - Responsabile del Centro DemA è Agostino Cortelezzi, direttore dell'Oncoematologia del Policlinico. Al Centro, rivolto ai pazienti dai 65 anni in su, si accede con un'impegnativa del medico di medicina generale o di un altro specialista che prescriva una visita ematologica. Si può prenotare sia telefonicamente (chiamando lo 02-5503-4034, sia a voce sia lasciando un messaggio in segreteria telefonica) sia via email (all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). E' previsto il pagamento del ticket per i pazienti che non sono esenti. Il tempo di attesa per la visita è stimato in dieci giorni.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici