Menu
Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Il cuore delle donne corre gli stessi rischi di quello degli uomini?

Il cuore delle donne corre gli stessi rischi di quello degli uomini? Il cuore delle donne corre gli stessi rischi di quello degli uomini?

Esperti a confronto l'8 marzo a Massa.

AGIPRESS - MASSA - Il “continuum cardiovascolare”nel genere femminile: tappe di vita, malattia e cura “ questo il titolo di un convegno di carattere regionale che si terrà l’8 marzo  all’Hotel Eden, Viale A. Gramsci, 26 di Cinquale (Massa).  L’iniziativa è della Fondazione  Toscana  “Gabriele Monasterio” per la Ricerca Medica e di Sanità Pubblica, CNR - Regione Toscana. Responsabile scientifico dell'evento è il Dott. Sergio Berti (nella foto) Direttore Unità Operativa Complessa Cardiologia diagnostica ed interventistica. "Le probabilità che uno “shock emozionale” porti a un “attacco cardiaco” aumentano sensibilmente. Benché queste premesse lascino presagire una particolare attenzione alla prevenzione da parte dell'universo femminile, è ormai assodata l'errata percezione delle donne nei confronti delle malattie cardiovascolari. "La tendenza - spiega - è infatti quella di relegare ogni patologia al mondo maschile. Partire invece da una reale consapevolezza delle differenze e dei rischi che si corrono è senza dubbio il primo step da compiere per tutelare al meglio la propria salute. Se in età fertile il cuore della donna è protetto dagli estrogeni, ormoni che lo tutelano dalle alterazioni patologiche delle arterie, dopo la menopausa aumenta il rischio di incorrere in eventi cardiovascolari, favoriti dall'insorgere di ipertensione, diabete, obesità e sindrome metabolica. A questi si aggiungono l'aumento del colesterolo, dei trigliceridi e della glicemia che portano a una distribuzione adiposa a modello androide, e dunque particolarmente predisposta a infarti e ictus. Anche i sintomi di alcune patologie cardiache sono spesso meno evidenti. Per quanto riguarda l'infarto, ad esempio, si tratta per lo più di debolezza, nausea, vomito, difficoltà respiratoria, esaurimento, mal di schiena o dolori al costato: segnali fuorvianti che possono tardare il riconoscimento dell'ischemia cardiaca e dunque, il pronto intervento. Le cattive abitudini, infine, possono essere fatali al gentil sesso: il cuore delle donne è molto più vulnerabile di quello maschile rispetto ai rischi connessi al fumo. Le sigarette, che accelerano per entrambi i sessi il processo di arteriosclerosi, hanno un effetto cinque volte maggiore sul muscolo cardiaco femminile in termini di progressione di danno alle arterie. In questi primi decenni del terzo millennio, abbiamo assistito nell’ambito della medicina moderna, ad un importante incremento tecnologico multidisciplinare applicato alla ricerca, alla diagnostica e alla cura del paziente. In ambito cardiologico questo processo è stato ancora più di spicco e ha permesso la ottimizzazione della prevenzione e cura delle malattie cardiovascolari con un conseguente allungamento della vita media del paziente cardiopatico".

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 07 Marzo 2018 14:09
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie in primo piano

Morto Andrea Camilleri, il ricordo del Sindaco di Santa Fiora che dichiara lutto cittadino

Morto Andrea Camilleri, il ricordo del Sindaco di Santa Fiora che dichiara lutto cittadino

Aveva 93 anni e aveva dedicato un’intera vita alla scrittura. Era cittadino onorario della località amiatina.

SCIENZA - Anoressia nervosa, identificati otto marcatori genetici significativi

SCIENZA - Anoressia nervosa, identificati otto marcatori genetici significativi

Oltre 200 scienziati per lo studio internazionale, pubblicato su Nature Genetics, che ha analizzato 17.000 casi.

Video: Agipress Channel

Speciali Agipress

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici