Menu
Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

ATIVITA' FISICA - La personalizzazione dei programmi come elemento essenziale per l'efficacia dei percorsi di allenamento

ATIVITA' FISICA - La personalizzazione dei programmi come elemento essenziale per l'efficacia dei percorsi di allenamento ATIVITA' FISICA - La personalizzazione dei programmi come elemento essenziale per l'efficacia dei percorsi di allenamento

La pandemia ha confermato che quella della forma fisica è una tematica molto sentita da gran parte degli italiani.

(AGIPRESS) - Con la chiusura delle palestre e il conseguente avvento di innumerevoli soluzioni on-line per il mantenimento della propria condizione fisica anche tra le mura di casa, sono emerse anche le difficoltà nel raggiungere i risultati sperati. I principali ostacoli, secondo lo sport scientist Igor Bonazzi, sono soprattutto legati alla mancanza di un programma di allenamento professionale che si basi sulle esigenze specifiche delle singole persone. Già docente presso l’Università di Parma, preparatore atletico calcistico per squadre come il Piacenza Calcio 1919 e 15 anni di esperienza sul campo, l’esperto punta il dito proprio contro la mancanza di personalizzazione e ai rischi degli allenamenti in autonomia. “Si tratta di una problematica più comune di quanto si pensi e che può generare conseguenze fisiche anche importanti. – spiega Bonazzi – Ciò che ad esempio rende poco efficaci le classiche schede di allenamento è innanzitutto l’assenza di un metodo preciso da abbinare alle attrezzature, ovvero una programmazione sistematica che sia in grado di seguire le persone, di istruirle, correggerle e guidarle verso gli obiettivi desiderati partendo dalle proprie caratteristiche”.

I fattori che invece concorrono alla sicurezza e all’efficacia di un percorso d’allenamento sono la totale personalizzazione, la valutazione, il monitoraggio e l’aggiornamento periodico dei programmi. “In palestra, quando ci si allena senza personal trainer – prosegue l’esperto – si tendono a utilizzare i macchinari che sembrano più indicati senza prima essere stati sottoposti a valutazioni personali e mirate in grado di definire con chiarezza gli obiettivi finali e il tipo di percorso necessario per raggiungerli. Così facendo ci si espone a numerosi rischi. Bisogna inoltre considerare che i programmi nascono con finalità specifiche, e tendono quindi a perdere efficacia nel tempo. Per questo è fondamentale che vengano riaggiornati periodicamente tenendo conto dei progressi finora ottenuti”. Come ha dimostrato la pandemia, quella della forma fisica è una tematica molto sentita da gran parte degli italiani: secondo le stime Istat più del 64% delle persone si dedica all’attività fisica, di cui il 26% in maniera continuativa e il 38% in modo saltuario. Dopo aver sposato la filosofia dell’allenamento personalizzato durante 15 anni di esperienza come professionista del settore, Igor Bonazzi ha quindi deciso di ideare il metodo Allenamento Sequenziale per mettere a disposizione di chiunque un sistema di intervento completo, lineare e semplice al tempo stesso.

“Le principali tappe che caratterizzano questo metodo – dice il fondatore di Allenamento Sequenziale – sono la creazione di un programma di allenamento che acquisisce tutte le informazioni necessarie per verificare l’idoneità del soggetto, la consegna del programma e l’inizio dell’allenamento vero e proprio presso il nostro centro di studio della scienza dell’allenamento Elite Training di Parma, dove si viene seguiti passo dopo passo in ogni esercizio”. “Il nostro punto di forza – conclude Bonazzi – è rappresentato dalla personalizzazione completa del programma, dall’assistenza garantita 7 giorni su 7 e dalla valutazione dei risultati raggiunti; un approccio, questo, che ci consente mensilmente di eseguire controlli, correggere e migliorare le fasi successive, aggiornandole continuamente a seconda delle caratteristiche e delle esigenze specifiche del soggetto”. AGIPRESS

Ultima modifica ilLunedì, 22 Febbraio 2021 11:18
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici