Menu
Allergie nei bambini, è allarme: colpiti 4 su 10

Allergie nei bambini, è a…

Nei bambini al di so...

SCIENZA - L’asimmetria dentale ha effetti sulle aree del cervello associate alla memoria

SCIENZA - L’asimmetria de…

Può causare malattie...

Anche il cervello è colpito dal Covid-19: sintomi, complicanze e ripercussioni sulla gestione delle malattie neurologiche

Anche il cervello è colpi…

Uno studio sta racco...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Manovra, i disturbi dell’alimentazione entreranno a far parte dei LEA in una specifica area. Subito 25 mln per il contrasto

Manovra, i disturbi dell’alimentazione entreranno a far parte dei LEA in una specifica area. Subito 25 mln per il contrasto Manovra, i disturbi dell’alimentazione entreranno a far parte dei LEA in una specifica area. Subito 25 mln per il contrasto

Non più inseriti nella salute mentale. La soddisfazione della senatrice Caterina Bini.

AGIPRESS - ROMA - La Commissione Bilancio del Senato ha approvato uno degli emendamenti di cui vado più orgogliosa: quello sui disturbi del comportamento alimentare.” Così in una nota la sottosegretaria ai rapporti con il Parlamento e senatrice PD, Caterina Bini, impegnata a seguire i lavori della Commissione. “Tre anni fa - prosegue - ho avuto modo di iniziare ad approfondire, grazie ad una amica speciale, Lisa Guidi, cosa significa ammalarsi e troppo spesso morire di un disturbo alimentare. Nel 2018 ho presentato una proposta di legge, conosciuto associazioni e partecipato a manifestazioni. L’ultima, la più importante, l’8 ottobre scorso a Roma: tanti palloncini lilla con i nomi di persone che non ci sono più. Da quella manifestazione, grazie alla spinta delle associazioni, dei medici, delle famiglie, grazie alla sensibilità di tanti parlamentari e alla tenacia di alcuni colleghi di Governo che insieme a me hanno creduto in questa battaglia, abbiamo scritto e portato avanti un emendamento alla Legge di Bilancio. I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione entreranno a far parte dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) in una specifica area e non più inseriti nella salute mentale. Nel frattempo, al fine di garantire il contrasto ai disturbi dell’alimentazione e della nutrizione, è istituito un fondo presso il Ministero della Salute con una dotazione di 25 milioni per il biennio 2022/23. Un grande risultato - conclude la senatrice - di cui sono felice e allo stesso tempo commossa. Quattromila morti l’anno, dieci al giorno sono un numero che fa venire i brividi. Speriamo sia solo l’inizio di un cammino migliore.” AGIPRESS

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici