Menu
NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

TOSCANA - Riforme, Comuni montani piccoli e rurali chiedono in modo unanime ascolto alla Regione

TOSCANA - Riforme, Comuni montani piccoli e rurali chiedono in modo unanime ascolto alla Regione TOSCANA - Riforme, Comuni montani piccoli e rurali chiedono in modo unanime ascolto alla Regione

Riforma sanitaria, riduzione Comuni, gestione associata funzioni, fusioni e Unioni di Comuni i temi al centro

AGIPRESS - FIRENZE - “Conferma del Fondo della montagna regionale e mantenimento del contributo ai Comuni disagiati così come quello alle Unioni dei Comuni montani; supporto finanziario regionale, ma anche nazionale, al fine di favorire l'esercizio associato delle funzioni in modo funzionale che porti concretamente una riduzione delle spese a carico dei Comuni; allentamento del patto di stabilità; poi ancora sulla riforma sanitaria: la necessità di un forte coinvolgimento e partecipazione dei territori alla ipotizzata modifica delle zone sociosanitarie, garantendo il rispetto del criterio di attenzione alle zone disagiate e la necessità di una programmazione e gestione vicina ai territori; garantire lo standard minimo di servizi ospedalieri sancito all’interno dei Patti Terrtitoriali”.  Sono queste in sostanza le richieste alla Regione Toscana presenti nei documenti approvati dai Sindaci dei Comuni montani, piccoli e rurali della Toscana riuniti oggi in occasione del Consiglio regionale Uncem (Unione naz. Comuni Enti Montani) presieduto dal Presidente Oreste Giurlani. Gli ordini del giorno condivisi, saranno approvati nelle giunte comunali dai Sindaci e poi inviati alla Regione Toscana. 

PAROLA AI SINDACI - “Siamo particolarmente determinati – è la parola dei sindaci – a chiedere a Regione e Governo di ridarci quella dignità di rappresentanti di intere comunità che non possono essere ancora penalizzate dalla riduzione di servizi o peggio ancora dalla riduzione dei Comuni. Alla Regione in particolar modo chiediamo confronto e sostegno, come è accaduto in passato, per il bene dei nostri territori, vorremmo spirito collaborativo e non oppositivo”.  Da tutti i presenti è emersa piena contrarietà alla recente questione venuta fuori dall'Irpet che prospetta la riduzione a una cinquantina di Comuni in Toscana. “Non è possibile che ogni qualvolta si parla di tagli alla pubblica amministrazione si guarda al Comune, l’ente che più funziona e che più dimostra la sua utilità rispetto alle esigenze dei cittadini e che costa meno alla collettività. La riduzione dei Comuni prospettata da Irpet e supportata dalla Regione è cosa assurda, fuori dal contesto economico e geografico dei nostri territori e dal senso di comunità che anima i cittadini delle aree montane e rurali della Toscana e non solo. La fusione dei Comuni è possibile ed auspicabile se risponde al senso di identità e comunità dei luoghi in quanto determina, con la nascita di un nuovo soggetto istituzionale, la rimozione dell’esistente. Ma tale scelta appartiene alle legittime volontà dei singoli Comuni e cittadini. Diversi sono i modelli organizzativi e funzionali quali sono invece le Unioni dei comuni che si disciplinano per meglio esercitare i loro servizi e quelli delegati dalla Regione”. “I Comuni montani e rurali della Toscana - ha detto Giurlani - chiedono più attenzione perché necessitano di interventi mirati per reggere, sicuramente differenziati rispetto a quelli delle aree metropolitane. Le sfide delle riforme strutturali si vincono puntando sulle zone interne, rurali, montane, sui piccoli Comuni, restituendo loro dignità, servizi, infrastrutture, ma non senza un fisco più equo e giusto. Continuo a sostenere – ha aggiunto Giurlani – che le piccole realtà sono la vera ossatura e siamo pronti a tutte le battaglie per difenderla e tutelarla”.

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 30 Ottobre 2015 17:51
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici