Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

TASSA RIFIUTI - Anci e Cispel Toscana, no a istituzione "service tax"

TASSA RIFIUTI - Anci e Cispel Toscana, no a istituzione "service tax" TASSA RIFIUTI - Anci e Cispel Toscana, no a istituzione "service tax"

"Tornare alla tassa sarebbe un passo indietro del sistema". Lettera ai parlamentari toscani e al Presidente della Regione Toscana

AGIPRESS - TOSCANA - Anci e Confservizi Cispel della Toscana sono contrari a introdurre il corrispettivo per raccolta e smaltimento dei rifiuti nella “service tax". La preoccupazione tra i Comuni ed i gestori è emersa dopo le recenti ipotesi avanzate dal ministro Saccomanni in materia di Imu sull'istituzione un'eventuale "service tax" che potrebbe includere anche la tassa sui rifiuti. Per questo Anci e Cispel, hanno inviato una lettera al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e ai parlamentari toscani a firma congiunta di Alessandro Cosimi presidente di Anci Toscana e Alfredo De Girolamo presidente Confservizi Cispel Toscana, per esporre le proprie perplessità sulle scelte che si stanno per compiere.

"Due anni di "ipotesi" di ritorno alla tassa hanno già prodotto danni fra incertezze, conguagli, rischio reale di perdita di posti di lavoro (circa 3/400 nella sola Toscana) e contenziosi- puntualizza il documento. "Tornare alla tassa sarebbe un passo indietro del sistema e, come ha più volte affermato il Ministro dell'Ambiente Orlando sarebbe una misura contro le indicazioni europee e contro efficaci politiche ambientali. E' quindi necessario che il Governo si chiarisca e consenta agli enti locali di continuare a far applicare i corrispettivi agli utenti da parte del gestore, passando gradualmente alla tariffa puntuale".

Perplessità e preoccupazioni causate da una generale assenza di chiarezza nell'applicazione delle normative vigenti, che hanno portato all'emersione di sentenze che "hanno reso pacifico che il servizio ha natura tributaria e non tariffaria, rinviando l’applicazione della nuova Tares", un consistente passo indietro rispetto all'introduzione tariffa parametrica, basata sul meccanismo introdotto dal diritto comunitario del "chi inquina paga", vanificando di conseguenza anche le efficaci esperienze di tariffa puntuale abbinata al diffondersi dei sistemi di raccolta porta a porta già sperimentate in passato.

In conclusione l'attenzione viene rivolta sull'importanza di proseguire l'esperienza della tariffa, estendendola a tutti i comuni e risolvendo i problemi applicativi emersi: "La riscossione del corrispettivo dall'utente da parte del gestore promuove l'industrializzazione del settore, l'autonomia e responsabilità finanziaria dei gestori, superando la logica della finanza derivata, che costringerebbe i gestori a dipendere dai pagamenti delle pubbliche amministrazioni, una parte delle quali versa in stato di predissesto e tutti, in ogni caso, in grandi sofferenze finanziarie. Si avvia così a compimento un primo pezzo significativo di semplificazione, a cui si arriva attraverso il coordinamento tra i diversi enti interessati, prospettiva che deve guidare secondo Anci Toscana anche l'intero percorso di revisione della legge 1 sul governo del territorio."

"Condividiamo in pieno le preoccupazioni di Anci e Cispel" - ha replicato l'assessore regionale all’ambiente Anna Rita Bramerini. "La Regione Toscana, pur non avendo competenze in materia di tributi, si è fatta carico della questione Tares da tempo. Ha posto il problema al precedente Governo e all’attuale esprimendo le proprie perplessità sull’operazione perché ritiene opportuna una revisione completa del tributo che chiarisca i diversi aspetti che determinano attualmente sia difficoltà operative per i soggetti gestori, sia un significativo incremento del prelievo per i contribuenti".

Agipress

 

Ultima modifica ilMercoledì, 21 Agosto 2013 16:36
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici