Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

SANITA' TOSCANA - In Lunigiana una serie di incontri, al centro patti territoriali e piccoli ospedali

SANITA' TOSCANA - In Lunigiana una serie di incontri, al centro patti territoriali e piccoli ospedali SANITA' TOSCANA - In Lunigiana una serie di incontri, al centro patti territoriali e piccoli ospedali

Assessore Diritto alla Salute Regione Toscana: "I Patti territoriali stanno diventando un modello e uno strumento fondamentale, che dà stabilità e certezza ai piccoli comuni e ai territori"

AGIPRESS - FIVIZZANO (MS) - Giornata all'insegna della discussione sulla sanità territoriale in Lunigiana ed il suo futuro, quella di oggi a Fivizzano dove l'assessore regionale al diritto alla salute Luigi Marroni, nella Sala consiliare del Comune di Fivizzano, ha presenziato alla firma del Patto territoriale per la rete dei piccoli ospedali della Lunigiana tra i sindaci della zona (tranne Pontremoli e Zeri). La giornata è poi continuata sempre a Fivizzano, con la visita al nuovo Presidio riabilitativo della Fondazione Don Gnocchi, dove è stata anche sottoscritta la nuova convenzione tra Fondazione Don Gnocchi, Asl 1 di Massa e Carrara e Comune di Fivizzano. Ai due eventi erano presenti anche Maria Teresa De Lauretis, direttore generale della Asl 1, e Oreste Giurlani, presidente Uncem Toscana. Al Don Gnocchi, presenti Monsignor Angelo Bazzari e Francesco Converti, rispettivamente presidente della Fondazione Don Gnocchi e direttore del Polo Toscana.

"L'evento di oggi - ha detto Marroni - conferma ancora una volta l'importanza dei Patti territoriali, che stanno diventando un modello, uno strumento fondamentale, che dà stabilità e certezza ai piccoli comuni e ai territori". Marroni ha ricordato i pilastri fondamentali della sanità toscana: "Cure per tutti, con una sanità pubblica aperta alla collaborazione con il privato, con elementi di grande qualità, distribuita sia nel pubblico che nel privato. E quello che vediamo qui oggi - ha sottolineato - è un esempio perfetto della realizzazione di questi concetti". L'assessore ha ringraziato tutta la comunità della Lunigiana, i sindaci, la Fondazione Don Gnocchi.

PATTO TERRITORIALE - Il Patto territoriale per la rete dei piccoli ospedali della Lunigiana prevede una diversificazione tra i due ospedali presenti sul territorio: Pontremoli avrà funzioni di ospedale di zona, Fivizzano avrà una caratterizzazione di polo riabilitativo integrato, alla luce della nuova convenzione con la Fondazione Don Gnocchi. Il presidio riabilitativo di Fivizzano è frutto di un investimento congiunto Fondazione Don Gnocchi-Asl 1. In una prima fase sono stati attivati 32 posti letto dedicati alla riabilitazione neurologica e ortopedica a carattere intensivo, l'obiettivo è quello di arrivare a 60 posti letto.

CASE DELLA SALUTE - Quanto ai servizi territoriali, le Case della Salute diverranno punti di riferimento certi per i cittadini. A quella di Villafranca, già in funzione, si aggiungeranno quella di Aulla, di prossima apertura, e quelle di Fivizzano e Pontremoli, per le quali vanno individuate le strutture idonee. A proposito del Pet (Punto emergenza territoriale) di Aulla, "faremo una verifica a metà febbraio, dopo un mese e mezzo di attività - ha detto Marroni - E' importante la riorganizzazione, ma siamo anche molto sensibili a quello che ci dicono i sindaci, alla necessità della continuità assistenziale".

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici