Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

PICCOLI OSPEDALI - Vanni (ANCI): "Regione Toscana presenti un quadro organico"

Vanni (ANCI): "Regione Toscana presenti un quadro organico" Vanni (ANCI): "Regione Toscana presenti un quadro organico"

Il Coordinatore Consulta piccoli comuni di Anci Toscana e sindaco di Sorano (GR) chiede chiarezza

AGIPRESS - FIRENZE - Ancora molto acceso il dibattito sui piccoli ospedali della Toscana. "Bisogna uscire una volta per tutte dal gioco degli equivoci" - chiede Pierandrea Vanni Coordinatore Consulta Piccoli Comuni Anci Toscana e sindaco di Sorano (GR). "La Regione Toscana  - continua - assicura che non intende chiudere i piccoli ospedali, poi il Dipartimento sanità sigla un pre-accordo con i sindacati medici ospedalieri nel quale si prevede di fatto lo svuotamento delle funzioni e dei compiti dei cosiddetti ospedali di prossimità, cioè con meno di 100 posti letto e con meno di 70mila abitanti. Gli ospedali si possono chiudere anche in questo modo, cioè facendone dei poliambulatori, magari con un mini pronto soccorso e poco più. La Regione vuole arrivare a questo? Lo dica con chiarezza e se ne assuma la responsabilità. Come ha giustamente rilevato l'Anci Toscana "gli assetti istituzionali della sanità attraversano una situazione davvero caotica". 

"Il gioco degli equivoci, confermato dalle assicurazioni che l'assessore regionale al Diritto alla Salute Luigi Marroni si affretta a dare ogni volta che i sindaci protestano, non può continuare. La Regione si decida a presentare un quadro organico di che cosa vuole fare e non cerchi solo la condivisione dei sindacati medici ospedalieri. Magari faccia anche sapere se i patti territoriali sui quali è in atto un difficilissimo confronto fra Asl e Comuni in molte zone della Toscana sono davvero una seria programmazione o un'inutile discussione destinata a lasciare il tempo che trova. Forse Asl e Regione  - chiude Vanni - dovrebbero avere più rispetto e considerazione per il ruolo dei sindaci e dei Comuni e, attraverso di loro, dei cittadini".

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici