Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

PIANO SANITARIO E SOCIALE TOSCANA - Stop dell'iter in Commissione

PIANO SANITARIO E SOCIALE TOSCANA - Stop dell'iter in Commissione PIANO SANITARIO E SOCIALE TOSCANA - Stop dell'iter in Commissione

Mugnai (Fi) ottiene lo stop dell’iter in Commissione. "Niente esame del Pssir in attesa del parere di legittimità del Collegio di Garanzia statutaria"

AGIPRESS - FIRENZE - Continua il percorso travagliato del piano sociale e sanitario della Regione Toscana. La Commissione sanità del Consiglio regionale non avvierà l’esame del Piano sociosanitario integrato regionale (Pssir) finché il Collegio di garanzia dell’assemblea legislativa toscana non si sarà espresso circa la legittimità della delibera. E’ stata dunque accolta, durante la seduta di questa mattina, l’istanza avanzata dal Vicepresidente della Commissione sanità del Consiglio regionale Stefano Mugnai (Forza Italia). 

LA RICHIESTA - Proprio ieri, da parte dello stesso Mugnai e col sostegno di vari gruppi di opposizione, era partita la richiesta di "attivazione del Collegio di garanzia al fine di acquisire specifico parere su quesiti attinenti gli emendamenti dalla PdD 191 (Piano sanitario e sociale integrato regionale 2012-2015), deliberati dalla giunta regionale in data 7 febbraio 2014". A corollario, l’esponente di FI chiedeva anche la sospensione di ogni attività inerente il Pssir da parte della Commissione sanità in attesa dell’acquisizione del parere del Collegio "che – Mugnai ne è convinto –ad esprimersi impiegherà senz’altro meno dei due anni che sono serviti alla giunta per produrre gli emendamenti"

I QUESITI POSTI - I quesiti che il Vicepresidente della commissione Sanità sottopone al Collegio riguardano "a legittimità dello strumento emendamento per la presentazione delle sostanziali e corpose modifiche ed integrazioni alla proposta di Piano Sanitario e Sociale Integrato Regionale 2012-2015 di cui alla PdD 191 […] nonché, stante la loro sottoposizione a formale fase di concertazione, sulla lesione dei diritti e delle prerogative del Consiglio regionale ed in particolar modo delle minoranze consiliari, stante le disposizioni di cui all’art. 48 dello Statuto e all’art. 155 del Regolamento Interno dell’Assemblea legislativa regionale".

I NODI - I nodi, secondo Mugnai, sono sia di merito che di metodo. Innanzitutto perché gli emendamenti, spiega l’esponente di FI, "stravolgono completamente la delibera 'Scaramuccia'. Su quelle 400 pagine e poco più la Giunta oggi interviene con 200 pagine di modifiche spesso sostanziali, riscrivendo di fatto quello che dovrebbe essere il piano principe di una legislatura, quello che va a governare il comparto sanitario assorbente i tre quarti del bilancio regionale". Oltretutto, dalla delibera si apprende che la giunta, per il tramite delle Società della Salute, avrebbe sottoposto gli emendamenti all’iter concertativo senza informarne il Consiglio, "con conseguente violazione ‘di fatto e di diritto’ – scrive Mugnai nell’istanza approvata oggi – delle previsioni dell’articolo 48 dello Statuto". 

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 20 Febbraio 2014 12:47
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici