Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

PERSONAGGI - Erasmo D’Angelis, neo Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, lascia la presidenza di Publiacqua e traccia un bilancio

Publiacqua, cambio di guardia Publiacqua, cambio di guardia

D’Angelis: “Nei tre anni della mia presidenza e con l'Ad Alberto Irace abbiamo investito la cifra record di circa 200 milioni di euro, con 90.000 interventi l’anno per la Toscana centrale nelle province di Firenze, Prato, Pistoia e Arezzo”

     

AGIPRESS - Nel Cda di oggi Erasmo D’Angelis, nominato Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, ha lasciato la presidenza di Publiacqua, delegando le funzioni alla vicepresidente Caterina Ammendola, in attesa della nuova nomina che verrà decisa dai 49 Comuni proprietari dell'azienda e dall'assemblea dei soci. 

“Non lascio il settore, anzi raddoppio gli impegni – spiega D’Angelis - da Sottosegretario, infatti, continuerò ad occuparmi degli investimenti in infrastrutture per acquedotti, fognature e depurazione, che in molte Regioni hanno un arretrato di almeno venti anni rispetto al resto dell’Europa e urgente bisogno di rilancio per garantire qualità in un servizio fondamentale e non inquinare fiumi e ambiente. Sono state già annunciate le prime pesantissime sanzioni europee per infrazione all’obbligo di depurazione degli scarichi civili per circa 350 milioni dal mese di giugno. L’obiettivo è di evitarle, almeno nelle Regioni come la Toscana, con cantieri aperti”. 

E continua: “Abbiamo realizzato opere fondamentali per l'approvvigionamento idrico, inventando il sistema dei Fontanelli come innovativo servizio ai cittadini: oggi sono 58 tra parchi e piazze e vedono un boom di erogazione e risparmi economici e ambientali. Sono il nostro più grande spot per l'acqua pubblica del rubinetto in cui consumi negli ultimi 3 anni sono balzati dal 45% a circa il 60%. La mia più grande soddisfazione, però  sarà vedere finalmente l'Arno ripulito dalle fogne: accadrà tra circa un anno, a conclusione della più grande opera idrica in corso in Italia. Non è stato semplice per noi far ripartire il cantiere dell'Emissario in Riva Sinistra di Firenze nel 2010 dal costo di 70,1 milioni di euro. Era bloccato da 9 anni e ci siamo assunti enormi responsabilità anche personali, sapendo che si tratta di una infrastruttura che chiuderà un'epoca per Firenze che vede ancora metà città scaricare reflui nel fiume dal Medioevo”. 

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 10 Maggio 2013 16:00
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici