Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Patto di stabilità piccoli Comuni, sindaci del Valdarno Valdisieve approvano odg e chiedono di eliminarlo

Manifestazione di Sindaci, foto di repertorio Manifestazione di Sindaci, foto di repertorio

I Sindaci approvano Odg: "Queste regole per i piccoli centri non sono sostenibili dal punto di vista dell’impatto socio-economico"

AGIPRESS - FIRENZE - Eliminare il patto di stabilità per i comuni con popolazione sotto i 5000 abitanti. Lo chiedono la Giunta dell’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve con un ordine del giorno recentemente approvato. Le norme del patto di stabilità  sono molto difficili da applicare soprattutto per i piccoli comuni che si sostengono con risorse limitate. Nel documento approvato dalla Giunta si segnala che con queste regole e con la riduzione della spesa i comuni hanno portato in 4 anni un risparmio di ben 17 miliardi e “il concorso dei comuni di ridotta dimensione demografica al risanamento dei conti pubblici si è rivelato molto gravoso in rapporto alla consistenza delle loro entrate”. Oltre a questo i sindaci dell’Unione segnalano anche un altro elemento che, in un certo senso, blocca l’uscita del paese dalla crisi “l’assoggettamento dei comuni con popolazione compresa fra 1001 e 5000 abitanti alle regole del patto di stabilità – si legge nel documento - si rivela altresì non sostenibile dal punto di vista dell’impatto socio-economico in quanto produce inevitabili ritardi sui pagamenti alle imprese ed una contrazione della spesa corrente con immediate ricadute negative sui servizi alla collettività” senza dimenticare che la complessità e la variabilità delle regole rendono sempre più difficile “effettuare gli investimenti ed onorare gli impegni di spesa pur avendo le risorse a disposizione”. Il documento si conclude segnalando che il beneficio in termini di risparmio nell’applicazione del patto ai comuni sotto i 5000 abitanti si attesta in termini percentuali molto vicini allo zero, per questo e per tutti gli altri motivi la Giunta, composta dai sindaci del Valdarno e della Valdisieve chiede l’esclusione dalla disciplina del patto di stabilità i comuni che non superano i 5000 abitanti.

Agipress 

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici