Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Nardella su nuovo stadio Firenze, auspicio di progetto condiviso con la Fiorentina

Nardella su nuovo stadio Firenze, auspicio di progetto condiviso con la Fiorentina Nardella su nuovo stadio Firenze, auspicio di progetto condiviso con la Fiorentina

Il Sindaco di Firenze vede il progetto come apripista di una politica nazionale di riqualificazione degli stadi nel nostro Paese

AGIPRESS - FIRENZE - "L'auspicio è che con la Fiorentina si vada verso un progetto condiviso per il nuovo stadio" E' quanto afferma il sindaco di Firenze Dario Nardella aggiungendo "la condivisione è il presupposto della nuova legge sugli stadi, ovvero la collaborazione fra il pubblico ed il privato. Il pubblico, cioè il Comune, mette a disposizione l'area ed avvia la procedura che porta al bando di gara per il project financing e il privato realizza l'investimento sull'area che riguarda lo stadio, che è considerato un'opera pubblica come noi abbiamo già deciso di fare con la delibera approvata la scorsa settimana in giunta comunale, e le opere connesse". LA NORMA per la costruzione dei nuovi stadi è chiara, c'è un piano economico e finanziario che deve rispondere ad un equilibrio, ovvero non vi deve essere nessuna forma di speculazione da un lato, ma neanche uno svantaggio dall'altro per il privato, bensì un equilibrio fra costi e ricavi. Il pubblico da parte sua dovrà rispettare le procedure previste dalla legge. "Vedremo se Firenze, come io mi auguro - ha aggiunto il sindaco - rappresenterà una sorta di apripista, di modello nazionale, per una politica nazionale di riqualificazione degli stadi nel nostro Paese".

“E’ significativo che, data l’importanza del tema, il primo atto della giunta per questo 2015 è il via libera alla delibera relativa al progetto presentato dalla Fiorentina per la realizzazione del nuovo stadio, che dichiara l’interesse pubblico per l’opera dando parere positivo al piano di fattibilità e al piano economico finanziario della società viola, il primo caso di applicazione della nuova legge sugli stadi con il modello del project financing. Come ha detto il Sindaco, è un passo decisivo, una grande opportunità, un tassello importante per lo sviluppo della nostra città, e speriamo vada avanti rapidamente nell’interesse non solo dei tifosi ma di tutta la città" Così la Presidente della Commissione Cultura e Sport di Palazzo Vecchio Maria Federica Giuliani.

"Niente in contrario al nuovo stadio se non costa niente alla comunità, se non mette alla disperazione i lavoratori della Mercafir nell’attesa che venga ricollocata da qualche parte, se non impatta in modo traumatico la zona di Firenze Nord già fortemente interessata da grandi opere infrastrutturali come l’ampliamento dell’aeroporto, il nuovo inceneritore e la terza corsia autostradale. Così la consigliera del Movimento Cinque Stelle Silvia Noferi che ha aggiunto "Saremo poco smart o ancora troppo provinciali per credere che la crisi economica si possa combattere a suon di centri commerciali e di grandi opere ma purtroppo siamo già il paese del Terziario e degli eco-mostri mai finiti, per cui un pochino siamo preoccupati". 

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici