Menu
Giornata Mondiale del Cuore, terapie innovative e responsabilità professionale. L'incontro a Roma

Giornata Mondiale del Cuo…

Promosso dalla Feder...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017

Pistoia Capitale Italiana…

Presentate a Firenze...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Mobilità locale e sviluppo del territorio per il futuro di Rufina e della Valdisieve

Mobilità e sviluppo del territorio per il futuro di Rufina e della Valdisieve Mobilità e sviluppo del territorio per il futuro di Rufina e della Valdisieve

Iniziativa organizzata dall’Associazione Rufinacheverrà sulla mobilità locale: variante SS67, Ponte di Vallina, linea ferroviaria, trasporto su gomma

AGIPRESS - FIRENZE - L’Associazione politico-culturale Rufinacheverrà organizza un’iniziativa su un tema sempre più vitale per il Paese di Rufina, le sue frazioni e la Valdisieve tutta. “A Rufina e alla Valdisieve servono infrastrutture, per prima serve la Variante. Sono trascorsi circa due anni da quando in trecento ci incontrammo a Rufina con Ceccarelli e ANAS per chiedere a gran voce la Variante. Lunedì vogliamo capire cosa è stato fatto in questo tempo e quale sia lo stato dell’arte dell’opera. Nella gente c’è disillusione, veniamo da decenni di immobilismo e ora dobbiamo capire come passare dalle parole ai fatti" dichiara il Presidente di Rufinacheverrà Daniele Venturi, che terrà la relazione introduttiva - “ma non parleremo solo di variante, oggi occorre un ulteriore passo in avanti sul tema della mobilità: come Associazione riteniamo che sia indispensabile rafforzare e integrare le diverse offerte, così come rendere più facile la vita di studenti e pendolari che ogni giorno si devono muovere. Sul trasporto ferroviario negli ultimi anni è stato fatto molto ma è possibile apportare ancora dei miglioramenti in attesa della “metropolitana di superficie”. Ad esempio, crediamo sia giunto il momento dell’eliminazione dei passaggi a livello, almeno quelli sulla Statale 67 al “Bigozzi” ed a Contea. Riteniamo che adesso ci possano essere gli spazi per farlo visto che ormai sono stati tolti ovunque”.  La location dell’iniziativa sottolinea i temi che saranno trattati. Infatti, la Casa del Popolo di Rufina si trova in paese, a pochi passi dalla strada statale 67 che taglia in due l’abitato, congestionato dai numerosi transiti giornalieri, anche di mezzi pesanti, che la percorrono a tutte le ore in alternativa all’autostrada e che rallentano anche il trasporto su gomma; inoltre, la veranda è in prossimità della ferrovia che collega i paesi della Valdisieve a Firenze e al Mugello: unica vera alternativa di respiro alla viabilità su strada.

Durante la serata, dopo il saluto del Sindaco di Rufina Mauro Pinzani, interverranno anche il responsabile del coordinamento territoriale Anas centro Toscana-Marche-Umbria Dott. Ing. Raffaele Celia e gli esponenti di RFI S.p.A. Rete Ferroviaria Italiana Dott. Ing. Efisio Murgia Direttore della Direzione territoriale e Produzione Firenze oltre al Dott. Ing. Giuseppe Marta Direttore della Direzione commerciale Direttrice asse verticale. Le conclusioni dell’iniziativa sono affidate all’Assessore regionale alla mobilità e alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli, che torna a parlare di mobilità a Rufina a distanza di circa due anni dalla molto partecipata iniziativa sulla variante alla SS67, promossa sempre da Rufinacheverrà, in cui l’Assessore della Regione Toscana alla presenza di Anas rilanciò l’importanza dell’opera nella programmazione regionale, ravvivando di fatto un dibattito che sembrava spento nella rassegnazione del territorio.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici