Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

FUSIONI FRA COMUNI - Via libera anche a Villafranca e Bagnone

Una veduta di Villafranca Una veduta di Villafranca

L'ok della giunta regionale, dopo quello di una settimana fa a Crespina e Lorenza in provincia di Pisa. Altri comuni hanno già deciso. Atteso il parere del consiglio, poi via al referendum

AGIPRESS – FIRENZE - Aumentano le richieste di fusioni fra comuni in Toscana. Stamani la giunta regionale ha approvato la proposta di legge, presentata dall’assessore Vittorio Bugli, che dà il via libera a Villafranca in Lunigiana e Bagnone. La proposta di legge dovrà ora essere discussa dal Consiglio regionale, che fisserà anche la data del referendum consultivo (forse a settembre) a cui saranno chiamati i cittadini dei due comuni in provincia di Massa Carrara.
Una paio di settimane fa la giunta aveva detto sì a Crespina e Lorenza in provincia di Pisa. Anche a Scarperia e San Piero a Sieve nel Mugello, a Campiglia Marittima e Suvereto in provincia di Livorno e a Casciana Terme e Lari, di nuovo in provincia di Pisa, attendono che il Consiglio regionale discuta la proposta di legge approvata dalla giunta e fissi la data del referendum. Per la montagna pistoiese, i Comuni di San Marcello, Abetone, Piteglio e Cutigliano, e la Valbisenzio a Prato ci sono invece due iniziative portate avanti direttamente da alcuni consiglieri regionali. Il 16 giugno saranno chiamati alle urne i cittadini di Castel San Niccolò e Montemignaio in provincia di Arezzo.
Referendum con esito positivo si sono già svolti ad aprile a Figline e Incisa Valdarno in provincia di Firenze (100 chilometri quadrati e 24 mila abitanti), a Fabbriche di Vallico e Vergemoli (75 kmq e 961 abitanti) in provincia di Lucca e a Castelfranco di Sopra e Pian di Scò in provincia di Arezzo (56 kmq per circa diecimila abitanti).
Ogni Comune che si fonde può contare oggi in Toscana su 250 mila euro l’anno di maggiori contributi regionali, per cinque anni, fino ad un massimo di un milione di euro per fusione. A questi si aggiungono i finanziamenti dello Stato, che variano a seconda della popolazione e sono il 20 per cento, per dieci anni, dei trasferimenti erariali che gli stessi Comuni potevano vantare nel 2010. I Comuni che si fondono sono anche esentati per 3 anni dal rispetto del tetto del patto di stabilità e in questo modo possono far ripartire gli investimenti.


Agipress

Ultima modifica ilLunedì, 13 Maggio 2013 16:54
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici