Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Disabilità, impegno regionale per punto unico di assistenza e informazioni

Immagine della Fondazione Nuovi Giorni Immagine della Fondazione Nuovi Giorni

Dalla Conferenza regionale sulla disabilità tenuta presso Spazio Reale, San Donnino, Campi Bisenzio (Fi)

AGIPRESS - FIRENZE - "Una cabina regionale, un punto unico in grado di fornire assistenza a tutte le persone disabili e a reperire informazioni su come districarsi nella giungla di provvedimenti ed interventi a loro favore". E' quanto ha affermato la vicepresidente Regione Toscana Stefania Saccardi alla Conferenza regionale sulla disabilità tenuta presso Spazio Reale, San Donnino, Campi Bisenzio (Fi). Dopo aver annunciato il lavoro avviato sulla cabina di regia e il grande sforzo in atto per allargare il numero di esperienze in Toscana (attualmente 5) sulle Fondazioni di partecipazioni per il dopo di noi, la vicepresidente ha ringraziato il mondo del volontariato ("senza il quale non saremmo in grado di garantire il livello e la qualità di tanti servizi"), gli uffici regionali ("per aver organizzato un momento di confronto così importante e per il lavoro quotidiano che rende possibile l'erogazione di tanti servizi") e auspicato che da questa due giorni "arrivino tanti spunti interessanti per progetti e interventi futuri in grado di migliorare la vita di tante persone". Alla conferenza è intervenuto il direttore generale per l'inclusione e le politiche sociali del Ministero del lavoro e delle politiche sociali Raffaele Tangorra: "La ratifica della Convenzione Onu sui diritti delle persone disabili da parte dell'Italia non è rimasta solo sulla carta e uno dei passaggi più importanti è stata la creazione di un osservatorio per monitorarne l'applicazione nei vari ambiti di vita. Su vita indipendente - ha aggiunto - molte regioni non spendevano un centesimo. Adesso abbiamo stanziato 10 milioni di euro che quantomeno hanno permesso a molte regioni di avviare i primi progetti. Il Fondo nazionale sulla non autosufficienza, dopo aver toccato il suo minimo storico, è tornato a 400 milioni. E un altro segnale importante è aver riportato il Fondo nazionale sociale a 300 milioni e di averlo stabilizzato".

“Questa conferenza è un’occasione importante per la Giunta Regionale della Toscana per cambiare passo nelle politiche di welfare”, ha dichiarato Luigi Remaschi, Presidente della Fondazione Nuovi Giorni, Onlus attiva dal 2010 nella realizzazione di progetti finalizzati a una crescente autonomia delle persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale nell’affrontare il futuro senza genitori e parenti prossimi. “Con il progetto “Futuro Insieme” – prosegue Remaschi - abbiamo sperimentato concretamente nel 2014 nuovi percorsi di autonomia per più di 100 ragazzi, secondo il criterio evolutivo del modello VAI (Vita Adulta Indipendente), in piccole strutture di accoglienza da 6 a 8 persone. La normativa regionale vigente che privilegia l’utilizzo di strutture da almeno 40 persone limita i percorsi di autonomia e indipendenza dei soggetti ospitati e non affronta in maniera esauriente il tema del Dopo di Noi. Auspichiamo che da questa conferenza emerga una concreta volontà di affrontarlo per il bene soprattutto delle tante famiglie che si affidano a realtà come la nostra".

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici