Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

CRISI A PRATO - Tre consiglieri lasciano il centrodestra. Maggioranza senza numeri per governare

In crisi la maggioranza di centrodestra guidata dal sindaco Roberto Cenni In crisi la maggioranza di centrodestra guidata dal sindaco Roberto Cenni

Gli esponenti di “Indipendenti per Prato” tolgono il sostegno alla giunta Cenni. Si va verso il commissario prefettizio

PRATO – Vacilla la maggioranza che guida il Comune di Prato, unico comune capoluogo di provincia in Toscana ad essere guidato da una giunta di centrodestra, che riuscì nell’impresa nella tornata elettorale del 2009. I consiglieri comunali Luciano Gestri, Francesco Innaco e Gianluca Banchelli, che dal Pdl erano passati al gruppo "Indipendenti per Prato", hanno reso pubblica la loro decisione di "non voler più sostenere la giunta guidata da Roberto Cenni e di passare all'opposizione”. Una decisione che ribalta i rapporti di forza nell’aula consiliare. La maggioranza che guida il Comune, infatti, può contare solo su 20 voti complessivi,  sindaco incluso, mentre i voti dell’opposizione salgono a 21. Il sindaco Cenni e la sua giunta non avrebbero così più la maggioranza e potrebbero trovarsi nell’impossibilità di far passare i provvedimenti che hanno bisogno dell’approvazione consiliare. Primo fra tutti il bilancio di previsione del Comune, la cui discussione è in calendario il 31 luglio. Per sopravvivere Cenni dovrà cercare voti volta per volta o sperare in qualche passaggio inverso a quello odierno, possibilità che al momento appare assai difficile. Per approvare il bilancio il Comune ha tempo fino al 30 ottobre, dopo quella data l’amministrazione passerà la mano al commissario prefettizio.

La crisi, dunque, è ufficialmente aperta. A scatenarla, stando a quanto dicono i consiglieri Innaco, Banchelli e Gestri ci sono i "malumori sulla vicenda delle partecipate" (il presidente del consiglio comunale è indagato per corruzione) e l’accusa alla giunta "di aver tradito gli impegni e le promesse elettorali".

Agipress

 

Ultima modifica ilMercoledì, 24 Luglio 2013 17:03
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici