Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

COMUNI - Troppe incertezze, si chiede rinvio al 15 settembre per bilanci previsione

COMUNI - Troppe incertezze, si chiede rinvio al 15 settembre per bilanci previsione COMUNI - Troppe incertezze, si chiede rinvio al 15 settembre per bilanci previsione

Vanni (Piccoli Comuni Anci Toscana)  lancia l'allarme: nessuna certezza per i Comuni, neanche i criteri applicativi della spending review sono noti

AGIPRESS - FIRENZE - "Le nuove amministrazioni comunali, elette il 25 maggio, si trovano subito a fare i conti  con situazioni fortemente penalizzanti. Ad oggi, molte di queste amministrazioni, ma anche diverse di quelle non interessate all'ultimo turno elettorale, non dispongono di un quadro certo per predisporre i bilanci di previsione per il 2014 che dovrebbero essere approvati entro il 31 luglio. Infatti non sono ancora noti i criteri applicativi della spending review che farà sentire anche quest'anno un pesante effetto (376 milioni di euro di taglio a livello nazionale) e non ci sono ancora certezze sulla ripartizione del fondo nazionale di solidarietà. Per non parlare delle rettifiche Imu 2013 che stanno arrivando ai Comuni solo in questi giorni". Ad affermarlo è Pierandrea Vanni, vicesindaco di Sorano e responsabile Piccoli comuni di Anci Toscana. Si tratta di "motivi più che fondati per essere costretti a chiedere un rinvio, come ha fatto ANCI nazionale, al 15 settembre dell'approvazione dei bilanci, del quale ANCI avrebbe fatto volentieri a meno per le non poche difficoltà che comunque provoca. Sulla richiesta di proroga si deciderà domani giovedì 10 in Conferenza Stato-città". 

Per quanto riguarda invece le nuove norme per la committenza, non meno  preoccupante, a giudizio di Vanni, è "il caos applicativo della legge che prevede il divieto per tutti i comuni, ad eccezione dei capoluoghi, di acquisire direttamente non solo lavori ma anche beni e servizi. Dovranno obbligatoriamente o ricorrere ad una centrale unica di committenza a livello consortile o provinciale, che non si mette su in quattro e quattr'otto,  oppure alla piattaforma Meta o alla Consip. Le norme sono, come purtroppo accade spesso, non chiare e incongruenti  e la mancanza di una clausola di salvaguardia almeno per acquisizioni di piccola entità rischia di paralizzare anche le attività minimali. Davvero una non bella partenza per le 204 nuove amministrazioni comunali toscane. E un segnale che ancora non si riesce ad invertire una tendenza confusa e contraddittoria per i Comuni".

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici