Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

COMUNI - I sindaci toscani: il Governo garantisca le condizioni per gli equilibri di bilancio o sarà rottura

COMUNI - Se non si garantiscono le condizioni per gli equilibri di bilancio, la Toscana chiederà ad ANCI la rottura dei rapporti con il Governo COMUNI - Se non si garantiscono le condizioni per gli equilibri di bilancio, la Toscana chiederà ad ANCI la rottura dei rapporti con il Governo

E' quanto è emerso dall'Assemblea ordinaria dei primi cittadini a Firenze. L'Anci regionale porterà la richiesta al tavolo nazionale

AGIPRESS - FIRENZE - "La proposta che la Toscana porterà all'Ufficio di presidenza di ANCI nazionale del 16 gennaio a Roma (e all'Assemblea nazionale, sempre a Roma,  del 29 gennaio) sarà quella di una rottura dei rapporti istituzionali con il Governo,  se non verrà fatta chiarezza su come chiudere la partita della tassazione locale e non verranno assicurate ai Comuni le condizioni per garantire gli equilibri di bilancio". E' questa la posizione, sintetizzata dal sindaco di Livorno e presidente di Anci Toscana Alessandro Cosimi, che è emersa dall'Assemblea ordinaria dei sindaci toscani, che si è svolta a Firenze. Rottura dei rapporti con il Governo, che significa, spiega Cosimi, "ad esempio mancata partecipazione alla Conferenza Unificata, Conferenza Stato-città, non dare più il via a nessun decreto-legge,  incominciare a boicottare le spese per la giustizia". A conclusione dell'Assemblea il presidente di Anci Toscana ha incontrato i giornalisti per illustrare gli esisti della discussione, che ha riguardato in particolare i temi della finanza, dalla riforma della tassazione locale (Imu 2013 e Iuc 2014) al Patto di stabilità, in particolare in merito alla richiesta di esclusione dal Patto dei comuni da 1000 a 5000 abitanti, alla situazione di estrema difficoltà per i comuni di fronte all'avvicinarsi della scadenza del 28 febbraio per l'approvazione dei bilanci preventivi. 

"Le nostre richieste sono di trovare un punto che ci consenta di programmare - ha chiarito Cosimi - i territori sono in difficoltà rispetto a numeri che ballano, a condizioni di incertezza, a un impegno preso l'8 di agosto che avremmo entro i primi giorni di settembre chiuso questa incertezza. Abbiamo approvato i bilanci preventivi al 30 novembre, il che significa che per 11 mesi non eravamo autorizzati a fare investimenti sui territori. Non possiamo continuare a non avere certezza né nei numeri né nelle modalità, che è un dato che uccide i Comuni. Non è possibile che siamo destinatari del progetto di legge sulla tassazione locale, dobbiamo essere partecipi e abbiamo bisogno, anche in uno scontro, che si arrivi a un punto che comunque definisce la questione".

Per quanto riguarda l'Imu 2013 e la Iuc 2014, "è stata decisa una cessazione dell'imposta ma non è stato ancora chiarito a quali condizioni i comuni vengono ristorati - afferma Cosimi -. Se le aliquote Tasi restano quelle indicate le entrate per i Comuni sono inferiori rispetto a quelle dell'Imu, al bilancio generale dei comuni manca 1 miliardo e mezzo. Non è possibile spostare tutti i problemi a livello locale, quella di togliere l'Imu è stata un'esigenza del Governo, non l'hanno chiesto i Comuni. Il Governo se ne deve assumere la responsabilità, non si può continuare a dire che chi taglia i servizi sono i Comuni".

Discorso analogo per quanto riguarda la cosiddetta "mini Imu": "Non è possibile che ci sia una norma dello Stato e poi con decreti la si modifichi attraverso percorsi che cambiano gli effetti voluti. I comuni hanno esercitato la loro potestà alzando le aliquote, e poi il Governo per una sua esigenza  ha stabilito di ristorare solo lo 0,4 per cento, mettendo nella condizione di introdurre la mini Imu quei comuni che avevano variato l'aliquota nella piena legittimità per venire incontro alle proprie esigenze di bilancio".

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 14 Gennaio 2014 16:35
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici