Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

COMUNI - Norma committenza, rischio paralisi attività Enti

COMUNI - Norma committenza, rischio paralisi attività Enti COMUNI - Norma committenza, rischio paralisi attività Enti

Divieto per i Comuni non capoluogo di provincia di acquisire lavori, servizi e forniture in assenza di una centrale unica di committenza

AGIPRESS - FIRENZE - Cresce la preoccupazione per il rischio di paralisi dell’attività dei Comuni, determinato dall’entrata in vigore del DL- 66/2014, poi convertito nella legge 89/2014, art. 9, in merito all’acquisizione di lavori, beni e servizi, che non potranno più essere svolti dai Comuni (tranne i capoluoghi) ma dovranno far capo ad un nuovo soggetto “aggregatore”. La norma dunque prevede il divieto per i Comuni non capoluogo di provincia di acquisire lavori, servizi e forniture in assenza di una centrale unica di committenza, e si stabilisce che l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici non rilasci il Codice Identificativo Gara (Cig) ai Comuni non capoluogo di provincia che acquisiscano lavori, servizi e forniture senza che questi si uniscano, costituiscano un accordo consortile, ricorrano ad un soggetto aggregatore o alle Province. L’unica alternativa prevista, laddove possibile, è l’acquisto di beni e servizi attraverso il Mepa e la Consip spa. 

“La norma  - commenta il Presidente di Uncem Toscana Oreste Giurlani - risulta non solo del tutto inapplicabile, ma in netta controtendenza rispetto ai principi di semplificazione e snellimento delle procedure, nonché con la volontà del Governo di rilanciare l’economia. C'è necessità  di procedere con modalità che salvaguardino la tempestività e la cogenza  degli interventi che i nostri Enti sono chiamati a fare nell'interesse delle comunità da una parte, e dall’altra di richiedere  la certezza e la praticabilità del nuovo impianto normativo fino dalla definizione di alcuni concetti chiave quale quello di soggetto aggregatore.  Allo stato attuale, specialmente su questo ultimo punto, la situazione appare oltremodo incerta e confusa”. “L'auspicio  - aggiunge - è che il governo preveda una deroga per gli acquisti in economia, per gli interventi di somma urgenza, definendo anche i termini di un indispensabile regime transitorio, tale da consentire ai Comuni di predisporre il nuovo assetto organizzativo". Per questi motivi il 9 Luglio, Uncem e Anci della Toscana organizzano una riunione al fine di assumere una posizione come Comuni Toscani e condividere le possibili immediate soluzioni  in una materia importante e decisiva per l’operatività degli Enti.  Una posizione sulla quale Uncem e Anci  ritengono che “il legislatore debba riaprire il confronto con gli altri livelli istituzionali, evitando il caos applicativo che allo stato si profila e il rischio di blocco delle attività degli Enti”.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici