Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

COMUNI - A Collesalvetti un ordine del giorno su austerità finanziaria e patto stabilità

Foto di repertorio Agipress - Sindaci in protesta a Roma Foto di repertorio Agipress - Sindaci in protesta a Roma

Le richieste al Governo per affrontare spesa per investimenti, effettuare pagamenti alle aziende creditrici e sbloccare l’economia locale

AGIPRESS - LIVORNO - Il Consiglio Comunale di Collesalvetti (LI) approva un Ordine del Giorno sullo stato di austerità finanziaria degli enti locali e le difficoltà derivanti dal patto di stabilità. L'odg è stato redatto  e sottoscritto congiuntamente da tutte le forze politiche che compongono la maggioranza politica che sostiene il Sindaco Lorenzo Bacci: PD, Rifondazione Comunista, IDV e Collesalvetti Solidale. 

L'ODG: Premesso che negli anni precedenti le normative vigenti hanno costretto i Comuni al contenimento del disavanzo dei propri bilanci e che gli stessi sono stati costretti, infatti, a tagliare i costi, annullare gli sprechi e ridimensionare i servizi erogati in qualità e quantità; Premesso che  i Comuni sono stati in tutti questi anni un soggetto primario dello sviluppo economico/sociale dei territori loro affidati e che continuano ad essere l’istituzione che più di ogni altra è percepita come vicina dai cittadini, dalle imprese, dai sindacati e dalle associazioni di categoria; Dato che tutti gli Enti locali hanno come comune denominatore l’austerità delle risorse derivante dagli effetti della crisi economica ancora in essere sui nostri territori, sfociata in crisi sociale e che quest’ultima significa maggiore richiesta di servizi sociali a domanda individuale; Visto che allo stato attuale i Comuni hanno visto ridursi gli incassi degli Oneri di Urbanizzazione, dell’IRPEF (per il ridursi degli occupati e l’aumento delle cassa integrazioni, licenziamenti, chiusure attività, ecc.), dei tributi derivanti dalla fiscalità locale; Visto che le attuali regole del Patto di Stabilità interno hanno ripercussioni negative su tutto il comparto economico e sociale, comportando l’allungamento dei tempi di pagamento delle imprese e l’impossibilità di poter svolgere un’attenta e seria programmazione delle opere; Dato che attualmente la normativa TASI non recepisce le detrazioni di base e quelle relative ai figli come nella normativa IMU 1° casa, ma da la possibilità ai Comuni di prevederle a scapito della maggiore contribuzione dei cittadini;

Il Consiglio Comunale chiede: - che si intervenga in maniera celere a modificare gli obiettivi e le regole del Patto di Stabilità in modo da consentire ai Comuni di affrontare la propria spesa per investimenti, di effettuare pagamenti alle aziende creditrici per poter sbloccare l’economia locale; si possano premiare quei Comuni realmente virtuosi che sono in grado di assicurare qualità ai servizi erogati; non vengano erogati finanziamenti a copertura di buchi di bilancio con interventi pubblici, come avvenuto negli anni scorsi (vedi Palermo, Roma, Catania); - che i parametri per i trasferimenti ai Comuni, per le spese del personale, per i fabbisogni standard e i costi standard non siano riferiti solo al numero degli abitanti residenti, ma anche alle specificità locali quali pendolarismo, densità industriale, servizi erogati, esistenza di strutture e infrastrutture particolari; - che la normativa TASI sia rivista riportando i criteri di equità e uguaglianza, rispettando il principio di progressività delle imposte, così da gravare maggiormente sui redditi più elevati; - dato che fonte primaria e certa di risorse economiche è l’applicazione delle aliquote IRPEF, è indispensabile rivedere il range di applicazione sia attraverso il riordino delle fasce di reddito, sia delle relative aliquote di prelievo, tale da rendere effettiva l’equità fiscale e la sua progressività.

Agipress

Ultima modifica ilLunedì, 25 Agosto 2014 17:54
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici