Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

CITTA' METROPOLITANE - Firenze si prepara alla svolta

CITTA' METROPOLITANE - Firenze si prepara alla svolta CITTA' METROPOLITANE - Firenze si prepara alla svolta

Da 350 mila a un milione di abitanti, così il sarà il nuovo capoluogo toscano

AGIPRESS - FIRENZE - Approvata a Riforma Delrio, Firenze si prepara al grande cambiamento che la vedrà passare dai circa 350mila abitanti di ora a quasi un milione, quelli cioè dell'attuale provincia. Per promuovere questo epocale passaggio si è tenuto a Firenze un primo convegno, organizzato da Anci Toscana, che ha così promosso l'avvio dell'istituzione della Cittá  metropolitana di Firenze.

RIASSETTO PROFONDO ISTITUZIONALE - "Questa iniziativa cade in una giornata particolare - ha commentato il segretario generale ANCI Veronica Nicotra - dopo l'approvazione ieri da parte della Camera del Ddl Delrio". "Oggi siamo lieti di vedere portato a compimento  - ha aggiunto - un riassetto profondo e complessivo delle istituzioni territoriali a livello locale, che rappresenta per ANCI una grande sfida perché  pone al centro il ruolo dei comuni e degli amministratori comunali". Nicotra ha poi sottolineato come ANCI abbia ormai da tempo un gruppo di lavoro dedicato alle Cittá metropolitane, che si sta occupando ad esempio di predisporre un modello tipo di Statuto metropolitano. Infine il segretario generale ANCI si è soffermata sugli altri altri aspetti contenuti nella riforma Delrio, con riferimento in particolare alla possibilità introdotta nel provvedimento di un terzo mandato nei comuni fino a 3000 abitanti: "Si tratta di una importante novità, che in una fase come quella attuale - afferma Nicotra - può aiutare a garantire continuità nell'azione amministrativa e nella realizzazione di programmi. Proprio per questo secondo ANCI sarebbe stato opportuno estenderla a tutti comuni sotto i 5000 abitanti".

SUPERARE RUOLO STATICO DEI COMUNI - Alla tavola rotonda del convegno ha preso parte anche il presidente di Anci Toscana Alessandro Cosimi: "Questo convegno cade in un momento tale da consentirci di riflettere, costruire e fornire strumenti di discussione soprattutto agli amministratori, in una modalità che ci sembra l'unica possibile,  cioè superare la fase delle polemiche per andare verso una realizzazione  razionale attraverso non solo l'applicazione della legge ma anche una riflessione sullo spirito e sulle modalità.  Assistiamo ad una irruzione dei territori nella politica italiana. Si tratta di una norma, ancorché perfettibile, innovativa, che costringe la politica a fare una analisi dei ruoli per davvero. Occorre andare verso il superamento di un ruolo statico dei comuni, certamente è per tutti una grande sfida".  La Città metropolitana, aggiunge Cosimi, "rappresenta una modalità  innovativa di relazione tra territori e governo con cui ha un rapporto diretto, sta nella dialettica della relazione  con i fondi europei, ha un valore europeo. Si riorganizzano i servizi sulla sua dimensione, offre modalità diverse di strutturazione delle reti tra enti locali, una maggiore dinamicitá".

Agipress

 

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici