Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

2 - CRISI A PRATO – Il sindaco: se non si approva il bilancio mi dimetto

Il sindaco di Prato durante i festeggiamenti nel giorno della sua elezione Il sindaco di Prato durante i festeggiamenti nel giorno della sua elezione

 Cenni replica ai tre consiglieri che hanno lasciato la maggioranza: “Si assumeranno la  responsabilità di quel voto”

AGIPRESS - PRATO - “Se il 31 luglio non si approva il bilancio, sono pronto a dimettermi”. Il sindaco di Prato, Roberto Cenni, ha risposto così alla presa di tre consiglieri comunali di maggioranza, che gli hanno tolto il sostegno. “Non sono disposto a fare un bilancio da capo, se verrà bocciato sarà un atto politico” e qualcuno “se ne assumerà le responsabilità”, ha aggiunto il primo cittadino di Prato. Scontro frontale, dunque. Per il centrodestra l’esito peggiore, ovvero il commissariamento del comune, poco prima della naturale scadenza del mandato. Forse solo le dimissioni del presidente del consiglio comunale, Maurizio Bettazzi, sotto inchiesta con l’accusa di corruzione, potrebbero cambiare lo scenario. Ma Bettazzi è un consigliere comunale, non fa parte della giunta. Come sottolinea Cenni: “Non è nelle mie facoltà farlo dimettere perché non è un assessore, ma il presidente del consiglio comunale”.

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 24 Luglio 2013 17:04
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici