Menu
Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

SPESA FAMIGLIE - ISTAT, nel 2014 previsione + 0,2%. CODACONS, previsione sballata

SPESA FAMIGLIE - ISTAT, nel 2014 previsione + 0,2%. CODACONS, previsione sballata SPESA FAMIGLIE - ISTAT, nel 2014 previsione + 0,2%. CODACONS, previsione sballata

"La capacità di spesa delle famiglie, dipende dalla Legge di Stabilità, è dunque nelle mani del Governo Letta"

AGIPRESS - ROMA - Secondo i dati resi noti oggi dall'Istat, nel 2013 la spesa delle famiglie segnerà una contrazione del 2,4%. Nel 2014, invece, è prevista una modesta crescita dello 0,2%.

Per il Codacons la previsione dell'Istat per il 2014 è sballata, priva di collegamento con la realtà. "Nonostante sia prevista una crescita decisamente insignificante - si legge in una nota - resta da capire come le famiglie possano spendere di più, avendo finito i soldi e non ottenendo dal Governo alcuna riduzione di tasse, visto che l'eliminazione dell'Imu sulla prima casa è già integralmente compensata dall'aumento dell'Iva, senza bisogno di aggiungerci pure la Trise, che se non verrà corretta dal Parlamento finirà per essere peggio dell'Imu stessa, dato che colpirà maggiormente i ceti più poveri che già non pagavano l'Imu per via delle detrazioni.

"Insomma l'Istat  - continua il Codacons - farebbe bene a non fare previsioni e congetture e a limitarsi a fornire dati reali, oggettivi, quantitativamente verificabili. Tanto più che la spesa delle famiglie nel 2014 è direttamente collegata alla legge di stabilità ancora in corso di approvazione, quindi qualunque previsione per il 2014 non può che essere inconsistente ed immaginaria. La capacità di spesa delle famiglie, insomma, è nelle mani del Governo Letta. Fino a che la legge di stabilità non tocca chi vive di rendite finanziarie, gli evasori ed i pensionati d'oro (a parole annunciata più volte, ma non ancora fatta), mentre blocca per l'ennesima volta la contrattazione per il pubblico impiego e non rivaluta al 100% le pensioni da fame che vanno da 3 a 6 volte il minimo, come se si trattasse di miliardari, la spesa delle famiglie non potrà che ridursi, anche nel 2014".

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici