Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

PICCOLI COMUNI MONTANI - Approvata salvaguardia gestione servizio idrico in forma autonoma

Una foto della diga del Bilancino - Barberino di Mugello Una foto della diga del Bilancino - Barberino di Mugello

Nell’'ambito della ratifica del decreto “Sblocca Italia”, la norma consente ai piccoli Comuni montani in grado di assicurare autonomamente il ciclo idrico integrato, di poterlo fare in maniera indipendente

AGIPRESS - FIRENZE - Con un emendamento a firma dell’On. Enrico Borghi e di tutto il gruppo PD in Commissione Ambiente, sottoscritto anche dall’On. Zaratti e dal gruppo di SEL in Commissione, seppure con il voto contrario del Movimento 5 stelle, è stata approvata, nell’'ambito della ratifica del decreto “Sblocca Italia” in discussione in queste ore in sede referente presso l'’VIII Commissione della Camera, la salvaguardia delle gestioni del servizio idrico in forma autonoma nei comuni montani sotto i 1000 abitanti. La norma consente ai piccoli Comuni montani in grado di assicurare autonomamente il ciclo idrico integrato, di poterlo fare in maniera indipendente. Circostanza prevista già dal codice ambientale del 2006 ma che sarebbe stata impedita di fatto dalla versione originaria dell’art. 7 dello “Sblocca Italia”. “E’ un risultato importante – dice l’'On. Borghi – che mette in salvaguardia una serie di esperienze positive nei nostri piccoli comuni montani, costruite all’insegna della sussidiarietà e in virtù di peculiari caratteristiche orografiche e geomorfologiche di tali territori, che per questo possono essere esentati dall'’adesione obbligatoria all’'ambito idrico. L’'approvazione di questo emendamento dimostra inoltre, ancora una volta, l’attenzione delle istituzioni per i nostri territori”". Dalla Toscana giunge il plauso del Presidente di Uncem Toscana Oreste Giurlani in rappresentanza di oltre 160 Comuni toscani di cui la maggior parte piccoli e montani."Un atto importante per i comuni montani" afferma Giurlani che poi aggiunge "sarebbe altrettanto opportuno vedersi riconosciute quote di tariffa per attività di difesa e tutela dell’assetto idrogeologico del territorio montano, come una sorta di indennità compensativa impiegata però alla tutela e alla garanzia del servizio.

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 15 Ottobre 2014 16:56
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici