Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

“FARE” - A Firenze il congresso nazionale

Michele Boldrin, leader del movimento Fare per fermare il declino, che domenica mattina terrà a Firenze il proprio congresso regionale Michele Boldrin, leader del movimento Fare per fermare il declino, che domenica mattina terrà a Firenze il proprio congresso regionale

Appuntamento domenica 9 all'Hotel London. Si parlerà della costruzione del nuovo polo liberaldemocratico e della partecipazione alle europee

AGIPRESS – FIRENZE - Si svolgerà nella mattinata di domenica 9 marzo a Firenze, a partire dalle 10, al Centro Congressi Hotel London, a partire dalle 10, il Congresso 2014 di FARE per Fermare il declino, il partito guidato dall’economista Michele Boldrin, appena riconfermato coordinatore nazionale. I delegati saranno chiamati ad eleggere la nuova Direzione nazionale e, soprattutto, a decidere il percorso di costruzione del nuovo polo indipendente liberaldemocratico e la partecipazione alle prossime elezioni europee ed amministrative del 25 maggio.

“Abbiamo lavorato in questi mesi per costruire un nuovo punto di riferimento alternativo al bipolarismo muscolare e, allo stesso tempo, compromissorio che blocca la politica e la società italiana, come la realtà di In Cammino per Cambiare dimostra – spiega Boldrin - A questa indipendenza e trasparenza non rinunciamo, neanche in vista delle Europee. Siamo stati i promotori di una lista Aldfe – Liberaldemocratica costituita da forze di pari dignità, capace di rappresentare una svolta ed una speranza per l’Italia e l'Europa, lontana da piccoli personalismi e interessi di bottega elettorale o, ancora peggio, da logiche ancillari verso qualche grande partito nazionale. Su questa linea abbiamo il pieno appoggio di Guy Verhofstadt, presidente Alde (Alleanza dei liberali e democratici per l’Europa) e nostro candidato Presidente della Commissione UE – è la conclusiuone di Boldrin -. Ci auguriamo che a questa opportunità aderiscano quante più forze sarà possibile coinvolgere senza prevaricazioni e 'diritti nobiliari' di sorta. Di contro, la scommessa non avrebbe senso e non varrebbe la pena di essere giocata”.

Agipress

Ultima modifica ilGiovedì, 06 Marzo 2014 21:34
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici