Menu
START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Eliminare i piccoli Comuni, PD presenta proposta di legge per obbligare a fondersi sotto 5.000 abitanti

Eliminare i piccoli Comuni, PD presenta proposta di legge per obbligare a fondersi sotto 5.000 abitanti Eliminare i piccoli Comuni, PD presenta proposta di legge per obbligare a fondersi sotto 5.000 abitanti

A firma di 20 parlamentari. Reazioni di contrarietà dalla Toscana: "No a scelte legislative autoritarie"

AGIPRESS - ROMA - Una proposta di legge presentata alla commissione affari istituzionali della Camera da 20 parlamentari del PD stabilisce che "il limite minimo di abitanti perché possa esistere un comune è fissato nella soglia di 5.000 abitanti. Essa modifica pertanto il testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, introducendo un nuovo comma nell'articolo 13. Trascorsi poi ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore della legge, le Regioni provvederanno con legge alla fusione obbligatoria di tutti i comuni la cui popolazione sia inferiore a 5.000 abitanti e che non abbiano già avviato di propria iniziativa procedimenti di fusione. Quindi i comuni avranno due anni di tempo per procedere autonomamente, dal basso, e secondo criteri di omogeneità, maggiormente rispettosi delle caratteristiche fisiche dei territori o delle tradizioni loro proprie, a predisporre fusioni al fine di costituire comuni che abbiano almeno 5.000 abitanti. Qualora non lo facciano autonomamente nei primi due anni, in base all'articolo 2 della proposta di legge, saranno le regioni, con propria legge, a provvedere. In tal caso però i comuni perderanno il diritto a tutti i benefici previsti dalla legge per incentivare le fusioni di comuni". E' questo in sintesi il senso della proposta di legge n. 3420 (SCARICA SOTTO) presentata a metà novembre e che sta suscitando forti reazioni contrarie negli amministratori dei piccoli Comuni d'Italia. 

LE REAZIONI DALLA TOSCANA - "Nel respingere con fermezza tale opinabile iniziativa, sbagliata sia nel metodo che nel merito, vi invito ad attivarvi in ogni forma luogo e modo ad impedire il realizzarsi di tale ulteriore scempio istituzionale. Sì, scempio, proprio di questo si tratta in quanto lede con i principi costituzionali l'idea stessa di uno Stato che si articola in Istituzioni vicine ai cittadini e responsabili dei loro bisogni". Così si legge in una lettera che l'associazione dei comuni montani della Toscana (Uncem) ha inviato a tutti i Comuni piccoli montani e rurali della regione per esprimere la netta contrarietà alla pdl. "In Toscana  - continua la lettera - in maniera particolare i comuni e la stessa Regione si adoperano per difendere i presidi postali e gli altri servizi di prossimità, mentre a livello nazionale  si vogliono annullare i piccoli comuni. Davvero incredibile che poi tale proposta sia del partito che più altri nella sua storia ha tutelato il valore delle autonomie locali. La fusione non può che nascere e compiersi dal comune senso di comunità ed appartenenza di diverse e singole comunità ed in tale senso va favorita ed incentivata facendo emergere le volontà dei singoli cittadini, e non certo da scelte legislative autoritarie fuori dal tempo e dalla ragione".   

I FIRMATARI - LODOLINI, FANUCCI, ZOGGIA, ASCANI, PAOLA BOLDRINI, BRUNO BOSSIO, FEDI, FRAGOMELI, GANDOLFI, GIUSEPPE GUERINI, LATTUCA, NACCARATO, PATRIARCA, PELILLO, PETRINI, SALVATORE PICCOLO, PORTA, SBROLLINI, VALERIA VALENTE, ZAN

Agipress

Ultima modifica ilSabato, 16 Gennaio 2016 12:12
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici