Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

DEBITI PA – Approvazione in Senato, novità per i Comuni

Approvato in Senato dl su Debiti alle Pubbliche Amministarzioni Approvato in Senato dl su Debiti alle Pubbliche Amministarzioni

Luci e ombre per i le amministrazioni locali. Restano aperte delle questioni, in primis l'esclusione dal Patto di Stabilità per quelli piccoli

AGIPRESS - Firenze - E' stato approvato, in Senato, il dl pagamenti che contiene alcuni risultati positivi per i Comuni. Tra questi la parziale soluzione delle questioni relative all’Imu 2012 con il ristoro, per i soli anni 2012 e 2013 di circa 600 milioni, anche se si evidenzia contrarietà rispetto alla previsione secondo la quale le risorse in questione sono escluse dal saldo del patto di stabilità. 

Da sottolineare positivamente la previsione della proroga della riscossione, della proroga dei bilanci di Previsione 2012 e della possibilità di utilizzo degli oneri di urbanizzazione per la spesa corrente.

“Resta aperta – sottolinea Alessandro Cattaneo, Presidente f.f. ANCI  - la questione dei 500 milioni relativi all’Imu 2012 e per questo resterà riteniamo necessario proseguire il confronto. Così come ribadiamo l’insostenibilità del tagli per il 2013, pari a 2,25 miliardi di euro, prendiamo anche atto del fatto che il Parlamento ha modificato i criteri di riparto del taglio e non ha accolto la nostra richiesta volta a rendere compatibile, anche finanziariamente, il taglio con i fabbisogni  standard. In questo modo – sottolinea Cattaneo – i tagli ai trasferimenti mantengono la connotazione di tagli lineari, che colpiscono tutti, indiscriminatamente, anche i più virtuosi’’.

“L’auspicio, a questo punto – commenta il Presidente di UNCEM Toscana Oreste Giurlani -  è che in sede di conversione del decreto, le richieste che riguardano soprattutto i piccoli Comuni possano tutte essere accolte. Mi riferisco in particolar modo all’esclusione totale dai vincoli del Patto di stabilità interno i Comuni con popolazione tra 1000 e 5000 abitanti, al via libera alle procedure di acquisto a titolo oneroso di immobili o terreni effettuate per pubblica utilità (art.10-bi s), all'aumento degli spazi finanziari per tutti i comuni, e per i piccoli fino a 500 milioni di euro, per il pagamento di obbligazioni di parte capitale anche per il 2013 nell'ambito del patto verticale incentivato (art.1-bis)”.

Agipress

Ultima modifica ilMercoledì, 05 Giugno 2013 16:28
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici