Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

FORESTE CASENTINESI - Nel Parco nazionale il lupo è un'opportunità di sviluppo turistico

Il lupo, un'opportunità di sviluppo turistico Il lupo, un'opportunità di sviluppo turistico

Si è svolto giovedì 15 Giugno a Pratovecchio (Ar) il forum permanete per gli Stakeholders (Action D4) “Lupo e attività turistiche: prospettive di convivenza” nell’ambito del Progetto Life WOLFNET del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna

     

AGIPRESS - Nell'incontro dello scorso giovedì è emersa la necessità di individuare strategie condivise mirate a risolvere le problematiche e valorizzare le potenzialità legate alla presenza di questo carnivoro, che può entrare in conflitto con le attività zootecniche, ma anche fungere da grande attrattiva naturalistica per lo sviluppo di attività turistiche ad esso collegate.

“Il ruolo dei soggetti che si occupano di turismo – ha sottolineato il presidente dell’Apt regione Emilia Romagna Liviana Zanetti  - all’interno di un’area protetta è quello di promuovere il concetto della responsabilità e sostenibilità del turismo, ogni cittadino, come cita la stessa costituzione, ha diritto alla vacanza che deve diventare anche un’occasione di crescita personale e di sensibilizzazione nei confronti della natura e dell’ambiente”.

“All’interno dell’area protetta – ha sottolineato il Commissario del Parco Luca Santini – il turismo non può prescindere dal coinvolgimento delle comunità locali, in questi anni tanto il parco ha fatto in tema di conservazione della biodiversità, oggi bisogna lavorare più intensamente sul turismo affinché vi sia un’effettiva ricaduta economica sul territorio e soprattutto nelle aree abitate limitrofe all’area protetta. L’ente – ha ribadito Santini - si dichiara disponibile ad iniziare un confronto con tutti i soggetti interessati, ad una sinergia che possa portare a dare visibilità al parco, ai suoi territori e a i suoi abitanti e attrarre così un  turismo ancora più qualificato e specifico. Nei prossimi giorni ci sarà un incontro, direi storico, tra gli assessori competenti in materia della Regione Toscana e dell’Emilia Romagna, il Parco Nazionale, l’APT Emilia Romagna e Toscana Promozione per individuare una strategia di sviluppo condiviso che faccia emergere l’unicità del nostro parco”.

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 18 Giugno 2013 16:46
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici