Menu
Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

RICERCA - Tumore al seno, colpirlo all'origine attaccando le cellule staminali

RICERCA - Tumore al seno,…

Una ricerca di IEO, ...

NEUROSCIENZE - Il cervello e il senso del numero, nuove ricerche su capacità di pianificare sequenze di azioni

NEUROSCIENZE - Il cervell…

Ricercatori: cervell...

Terremoto, per le donazioni conto corrente unico in Toscana

Terremoto, per le donazio…

Attivo anche un indi...

Salute mentale, in Italia un milione di anziani con demenze

Salute mentale, in Italia…

Con una prevalenza d...

"Clowning e Alzheimer" nasce il primo corso in Italia per professionisti nella cura della persona con demenza

"Clowning e Alzheime…

Aperto a professioni...

SCIENZA - Fisici di Firenze e Orlèans dimostrano come gli anticorpi reagiscono a corpo estraneo. Come un "portiere"

SCIENZA - Fisici di Firen…

Esattamente come un ...

GREEN ECONOMY MOTORE DI CRESCITA, PER IMPRESE E' ANTIDOTO ALLA CRISI

GREEN ECONOMY MOTORE DI C…

Un’impresa su quattr...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Lavoro, integrazione tra scuola ricerca e imprese per innovazione

Lavoro, integrazione tra scuola ricerca e imprese per innovazione Lavoro, integrazione tra scuola ricerca e imprese per innovazione

Il workshop "La Toscana che innova: imprese, ricerca e competenze"

AGIPRESS - FIRENZE - Tra mondo della formazione e quello produttivo è necessaria una integrazione sempre più profonda. Il tema è emerso da tre assessori regionali, Monica Barni (università), Cristina Grieco (formazione) e Stefano Ciuoffo (attività produttive), nel corso del workshop "La Toscana che innova: imprese, ricerca e competenze" organizzato presso l'Auditorium di Sant'Apollonia a Firenze. L'incontro è stato organizzato per fare il punto delle iniziative realizzate dalla Regione, a partire dai bandi specifici (già chiusi), per ascoltare la voce dei giovani che vi hanno preso parte con i propri progetti e per premiarne alcuni. "Oggi abbiamo creato questo momento di riflessione – ha spiegato Ciuoffo – per dar conto della grande vicinanza dimostrata dalla Regione alle aziende attraverso i tre bandi. La grande risposta ricevuta da parte del mondo imprenditoriale e della ricerca è il segnale della necessità di voler colmare lo spazio che separa anche l'Italia dal resto del mondo. Giovani ed imprese hanno voglia di mettersi in gioco per colmare questo gap e la Toscana ha dimostrato e dimostra di avere gli strumenti necessari per farlo". "Occorre maggior aggregazione tra mondo della ricerca e formazione e mondo produttivo e imprenditoriale – ha affermato - E molti dei progetti che si sono aggiudicati le risorse ne sono la riprova".

IN FUTURO, ha avvertito Ciuoffo con lo sguardo rivolto ai bandi futuri, "ci saranno minori risorse e una competitività maggiore da parte dei mercati". "Dobbiamo perciò – ha detto - utilizzare le risorse e gli strumenti a nostra disposizione in modo più efficace e snello. Puntando sull'aggregazione di competenze, di processi, alle logiche di filiera. In una parola: facendo sistema". Punto nodale sarà il collegamento sempre maggiore tra il mondo universitario e dall'alta formazione con quello produttivo, cercando di non disperdere le competenze già esistenti ed evitare che vadano altrove. Il 72% delle risorse della nuova programmazione POR CreO 2014-2020, pari a 792 milioni di euro (119 dalle casse regionali), è destinata al sostegno del mondo imprenditoriale con la Toscana, prima in Italia, che ha anticipato 80 milioni di tasca propria per partire subito con i nuovi programmi POR CreO".

COLLABORAZIONE TRA SETTORI - "C'è bisogno di grande collaborazione – ha detto la vicepresidente Monica Barni - tra il mondo dell'università e della ricerca e quello delle imprese. Il titolo del workshop evidenzia i tre elementi che è fondamentale tenere uniti. E la stretta collaborazione tra i tre assessorati che oggi sono coinvolti è testimoniata dal nuovo PRS , il programma regionale di sviluppo proposto dalla giunta. Gli investimenti fatti dalla Regione in tutti questi anni sono la dimostrazione del proprio impegno e volontà a costruire una sempre maggior collaborazione intersettoriale". "Nel nuovo PRS – ha quindi concluso l'assessore Grieco - abbiamo inserito come priorità l'avvicinamento ed il rafforzamento tra mondo della scuola e della formazione e mondo del lavoro, integrando tra loro le varie politiche a questi dedicati. Apprendistato, alternanza scuola-lavoro, processi professionali sono tutti interventi che la Regione ha deciso di mettere in campo per puntare ad una maggiore occupazione giovanile e sull'accrescimento del capitale umano, leva fondamentale per lo sviluppo delle imprese e del territorio".

Agipress

Ultima modifica ilMartedì, 10 Maggio 2016 18:56
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici