Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

LAVORO - Calano gli infortuni ma aumentano quelli mortali

Nel rapporto annuale di Inail Toscana relativo al 2012 diminuisce il numero complessivo di incidenti sul lavoro ma crescono quelli mortali Nel rapporto annuale di Inail Toscana relativo al 2012 diminuisce il numero complessivo di incidenti sul lavoro ma crescono quelli mortali

Lo rende noto il rapporto annuale dell'Inail Toscana relativo al 2012. Incidenti diminuiti del 10% in un anno, la mortalità cresciuta del 7%

 

AGIPRESS – FIRENZE - Calano gli infortuni sul lavoro mentre aumenta il numero di quelli mortali e le malattie professionali. Sono questi i dati principali resi noti dall'Inail Toscana nel rapporto annuale del dicembre 2013, relativi all'anno 2012.

Infortuni in calo – Gli infortuni nel 2012 sono stati 53.286, 5.991 in meno rispetto al 2011. Le gestioni Agricoltura e Industria presentano il decremento più consistente (rispettivamente -10,17% e -10,18%). Nel settore Agricoltura sono stati denunciati 3.558 casi, con punte di decremento percentuale che arrivano a -21,68% a Livorno, -17,14% a Grosseto, mentre continua la controtendenza in provincia di Prato con un + 31,03%. Nel settore Industria, con 47.616 casi, il trend si presenta in notevole diminuzione, rispetto all’anno precedente, con forbici che vanno da un massimo del -16,00% della provincia di Pistoia, e -14,72% di Livorno fino ad un minimo del - 3,25% per la provincia di Arezzo. La gestione per conto dello Stato, con 2.112 casi, invece, mostra il minor decremento (-8,33%).

Crescono gli infortuni mortali - In controtendenza rispetto agli ultimi anni, e rispetto alla diminuzione nazionale (all'8,44%) nel corso dell’anno 2012, in Toscana si sono verificati 61 infortuni mortali, a fronte dei 57 dell’anno precedente, con un aumento del 7,02%. Nel settore Industria i casi riconosciuti non sono variati rispetto al 2011, con 50 casi mortali, anche se si rileva una diminuzione molto significativa dei casi a Firenze (da 17 a 7) e un forte aumento a Grosseto (da 3 a 9). Nel settore Agricoltura sono stati riconosciuti 10 casi mortali nelle province di Arezzo, Grosseto, Livorno, Pisa e Siena. Nel settore Dipendenti per conto dello Stato, si è verificato solo 1 caso mortale in provincia di Pisa. Le province toscane con la numerosità più alta di incidenza di infortuni mortali sono Livorno con 12 casi, seguita da Arezzo e Grosseto con 10 casi ciascuna.

In aumento le malattie professionali - Nel 2012 sono state denunciate 5.887 malattie professionali, 44 casi in più (pari allo 0,8%) rispetto ai 5.843 del 2011, e in controtendenza rispetto al valore nazionale che è diminuito di 553 casi con una percentuale dell’1,2%. La maggioranza delle malattie si contraggono nel settore industria (5.162 casi), mentre in agricoltura risultano 673 casi e nella gestione per conto Stato 52 casi, per valori percentuali rispettivamente dell’87,5%, dell’11,4% e dello 0,9%.

Agipress

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici