Menu
GIMBE: "Non opportuno il prolungamento dello stato emergenza per Covid-19, ma prepararsi a convivenza con l'influenza"

GIMBE: "Non opportun…

L'analisi sui princi...

Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

TOSCANA - Ripartenza delle attività lenta e con molte incertezze

TOSCANA - Ripartenza delle attività lenta e con molte incertezze TOSCANA - Ripartenza delle attività lenta e con molte incertezze

Particolari sofferenze per il mondo dei pubblici esercizi, della ristorazione e degli alberghi, leggero sprint iniziale della moda e buoni risultati per parrucchieri ed estetiste.

AGIPRESS - FIRENZE - Trascorsi i primi giorni dopo la riapertura delle attività, si ha già un'idea chiara di quanto sta accadendo in Toscana: sofferenze per alcuni settori, in particolare per il mondo dei pubblici esercizi, della ristorazione e degli alberghi, a cui fanno riscontro il leggero sprint iniziale della moda ed i buoni risultati per parrucchieri ed estetiste. A comunicare tale tendenza, Confesercenti Toscana che specifica come a pesare sui consumi sia ancora l'onda lunga dell'emergenza e un ancora ridotto movimento di clienti che, insieme alla mancanza di turisti, è molto evidente nelle strade, nelle piazze e nelle vie dello shopping della Toscana. “E’ chiaro - spiega Nico Gronchi presidente Confesercenti Toscana - che il bisogno di tornare al lavorare, in sicurezza e nel rispetto delle prescrizioni, era fortissimo in tutti i settori e in queste ore contiamo di chiudere anche sui protocolli per gli ultimi settori che devono ripartire come ad esempio campeggi, villaggi turistici o parchi tematici”. “Se rimarranno sotto controllo le questioni sanitarie, la Toscana ha imboccato la strada per la ripartenza, anche se sarà lenta e particolarmente complessa per le Città d’arte, per i luoghi a forte vocazione turistica e con grandi incertezze per molti settori - ha continuato Gronchi che conclude: "Bisognerà porre attenzione e maggiori fondi nel settore del credito: se oltre il 50% delle imprese toscane ha richiesto finanziamenti previsti dal decreto liquidità, in linea con la media Nazionale, qui le risposte negative sfiorano il 50%. Così come massima attenzione deve essere posta sui sostegni ai settori in particolare difficoltà, come ad esempio la ristorazione e sugli investimenti in particolare su turismo e infrastrutture e qui la sfida alla quale siamo chiamati è particolarmente complessa”.

LO STUDIO - Secondo uno studio interno effettuato da Confesercenti, queste sarebbero le specificità in Toscana: ben il 98% di parrucchieri toscani di dichiara soddisfatto, 10 punti sopra la media nazionale e quasi il 90% di parrucchieri ed estetisti hanno allungato l’orario di lavoro; nella moda invece solo il 25%  la ritiene una buona partenza, sotto di ben 8 punti la media nazionale e solo un terzo dei negozi Toscani ha messo in campo promozioni per la riapertura contro il 70% dei negozi del Nord Italia; uno su quattro poi i bar soddisfatti della riapertura e solo il 7% tra ristoranti, pizzerie e trattorie, i cui dati rischiano di essere allarmanti: dopo i primi giorni di riaperture dei non molti che hanno riavviato l'attività, il 12% ha dichiarato di voler tornare a chiudere l’attività e aspettare ancora per riaprire. Per tutte le attività poi, ben 9 su 10, sono eccessivi i costi per sanificazione, Dpi e nuova organizzazione lavoro soprattutto nel caso di ristoranti e servizi alla persona.

Agipress

Ultima modifica ilSabato, 23 Maggio 2020 15:50
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici