Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

TOSCANA - Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio chiedono un intervento per riaprire i mercati

TOSCANA - Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio chiedono un intervento per riaprire i mercati TOSCANA - Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio chiedono un intervento per riaprire i mercati

Il commercio ambulante sta vivendo una situazione difficile, le rispettive associazioni toscane chiedono alla Regione Toscana un intervento presso il Governo.

(AGIPRESS) - FIRENZE - Le due associazioni di categoria Anva-Confesercenti Toscana e Fiva-Confcommercio Toscana chiedono attraverso una nota congiunta l’intervento della Regione Toscana presso il Governo per la difficile situazione che il commercio ambulante sta vivendo. “Abbiamo sempre fatto la nostra parte, nello spirito di servizio che da sempre ci rappresenta”, dicono all’unisono. “Adesso, però, si tratta di dare a ventimila imprese su area pubblica una prospettiva certa e di aiutarle a riaprire prima possibile, cercando almeno di salvare gli incassi del periodo natalizio. Ovvio che andranno rispettate tutte le norme per la tutela della salute, sia dei lavoratori del settore che dei clienti, ma le imprese devono ripartire e possono farlo in completa sicurezza, come hanno dimostrato da maggio”. “I mercati paradossalmente sono luoghi tra i più sicuri visto che si svolgono all’aria aperta”, ribadiscono Fiva ed Anva, “se si aggiunge l’applicazione delle norme stabilite nei protocolli di apertura, il rischio è veramente ridottissimo. Casomai, si aumentino i controlli per isolare chi eventualmente non rispetta le regole. Non si può penalizzare un’intera categoria per la negligenza di pochi”. Le richieste avanzate da Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio e presentate alla Regione perché si faccia parte attiva presso il Governo sono, in sintesi, due: 1. Riapertura urgente dei mercati: nell’immediato, riapertura anche nelle zone rosse, insieme al settore alimentare, anche del comparto non alimentare per le merceologie consentite ai negozi in sede fissa dal Dpcm 3 novembre 2020 (ovvero piante e fiori, abbigliamento e calzature per bambini, articoli sanitari); successivamente, apertura completa a tutti gli altri settori, con le necessarie accortezze e nel pieno rispetto dei protocolli; 2. Per quanto riguarda la riapertura completa dei mercati per tutte le tipologie, le associazioni di categoria chiedono che avvenga per l’organico completo senza alcuna restrizione numerica. “Non abbiamo più tempo, dobbiamo essere pronti per ripartire nel rispetto delle regole, vogliamo certezze e lo chiediamo con forza per tutelare e garantire la sopravvivenza di oltre 20.000 imprese toscane del settore”. AGIPRESS

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici