Menu
Ritorno al lavoro, il decalogo per aziende e lavoratori per ridurre il rischio contagio

Ritorno al lavoro, il dec…

Roberto Burioni: “Il...

START UP - Per le aziende e i professionisti nasce Im.Pr.Esa.

START UP - Per le aziende…

Un network per svilu...

Come proteggere i bambini dalle infezioni della pelle in estate

Come proteggere i bambini…

Con l’arrivo della s...

SPECIALE ALLERGIE - Prurito, congestione nasale, congiuntivite e mal di testa. Come difendersi dai pollini

SPECIALE ALLERGIE - Pruri…

Sono 20 milioni le p...

Firenze prima città in Italia per trasformazione digitale secondo la ricerca ICity Rate 2018

Firenze prima città in It…

Sempre più digitale ...

Ausili per persone disabili: "diventino veri e propri strumenti di cittadinanza"

Ausili per persone disabi…

La richiesta dalla F...

NEUROSCIENZE - Parkinson, Alzheimer, Sclerosi, epilessia, ai raggi x il funzionamento delle cellule gliali

NEUROSCIENZE - Parkinson,…

Giornata di studio o...

Sanità pubblica e privata, l’85% degli italiani vuole scegliere liberamente

Sanità pubblica e privata…

I dati della ricerca...

Prev Next

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Nico Gronchi (Confesercenti Toscana): "Tutelare la libertà di apertura delle attività commerciali"

Nico Gronchi (Confesercenti Toscana): "Tutelare la libertà di apertura delle attività commerciali" Nico Gronchi (Confesercenti Toscana): "Tutelare la libertà di apertura delle attività commerciali"

Chiesto l'impegno a Regione e Anci Toscana di dare uniformità alle disposizioni dei vari territori.

AGIPRESS - FIRENZE - “In questa fase di estrema disorientamento e destabilizzazione economica e sociale, occorre preservare e tutelare la libertà di apertura delle attività commerciali sia in sede fissa che su area pubblica". E' quanto afferma il Presidente di Confesercenti Toscana Nico Gronchi . "E' fondamentale - aggiunge Gronchi - dare uniformità alle disposizioni dei vari territori perchè non ha senso che i mercati possano svolgersi in un Comune e non in quello limitrofo. Vietare il commercio su area pubblica, quindi all’aria aperta e in spazi non costretti, è del tutto assurdo se nel contempo si autorizza il proseguimento dell’attività nei centri commerciali al chiuso”. A Regione Toscana e Anci, Confesercenti Toscana chiede un forte impegno per poter garantite le aperture di tutte le attività commerciali e il loro regolare svolgimento sia in sede fissa che su area pubblica, salvo ovviamente indicazioni diverse di carattere nazionale. 

Agipress

Ultima modifica ilVenerdì, 06 Marzo 2020 19:36
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Newsletter

Nome:
Email:
Mailing Lists:
Tutte le notizie
Quante ruote ha una bicicletta? (ex: 1)

Seguici